giovedì 23 Settembre 2021
HomeAttualitàMorte Maradona. Nei guai il suo amico Loque e altre sei persone

Morte Maradona. Nei guai il suo amico Loque e altre sei persone

Leopoldo Luque, medico neurochirurgo e amico del campione che aveva operato Maradona per un ematoma al cervello e poi ne seguiva l’iter sanitario, si trova ora in guai seri, riflessi da queste parole dette, con le lacrime agli occhi, ad alcuni media del suo paese.  “Non ho rubato nulla a Diego, tanto meno l’ho usato. E ora mi preoccupo per la mia famiglia, i miei amici e i miei pazienti. Spero che almeno i magistrati mi restituiscano il telefonino”.

Luque è una delle sette persone da oggi accusate ufficialmente di omicidio volontario nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Maradona. A darne notizia è stato il quotidiano ‘La Nacion’, che da decenni segue la ‘saga’ dell’ex fuoriclasse del Napoli, e poi rilanciata da altre testate argentina e poi internazionali. I sette dal 31 maggio saranno chiamate a deporre e dovranno difendersi dalle accuse. Oltre a Luque, sono nei guai gli infermieri Ricardo Omar Almirón e Dahiana Gisela Madrid, il coordinatore dei suddetti infermieri Mariano Perroni, il medico che ha stabilito il ricovero domiciliare Nancy Forlini, lo psicologo Carlos Díaz e la psichiatra Agustina Cosachov. Per i magistrati inquirenti una serie di loro negligenze sono costate la vita a Maradona, che non è stato seguito come invece avrebbero suggerito le sue condizioni tutt’altro che buone. Infatti dal rapporto di cui ‘La Nacion’ ha preso visione emerge che le cure prestate dell’équipe sanitaria che ha assisteva l’ex fuoriclasse negli ultimi giorni di vita sono state “inadeguate, carenti e spericolate” e “hanno affidato al caso la salute del paziente”. Per questo gli accusati rischiano pene che vanno dagli 8 ai 25 anni di carcere. In più Luque è indagato anche di “uso di documento privato falso”, perché, sempre secondo l’accusa, il medico avrebbe falsificato la firma di Maradona per chiedere una copia della ‘storia clinica’ del paziente alla struttura dov’era stato operato per un ematoma al cervello. E fonti giudiziarie fanno sapere che c’è un ulteriore accusa a carico anche della psichiatra Cosachov, per falso ideologico. Avrebbe infatti sottoscritto un certificato in cui stabiliva che il suo paziente, Maradona, era in stato “vigile, e ben orientato e con la giusta percezione di tempo e spazio”. Ma in realtà non era così, e di ciò la dottoressa dovrà risponderne. Intanto i magistrati dell’accusa in questo procedimento hanno chiesto che ai sette venga proibito di lasciare il paese, e quindi che vengano ritirati i loro passaporti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti