domenica 28 Febbraio 2021
Home Attualità Morti in Rsa. Galdiero (Anaste): "Asl non fanno tamponi a operatori e...

Morti in Rsa. Galdiero (Anaste): “Asl non fanno tamponi a operatori e pazienti”

Napoli. “Il Covid può entrare anche nelle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali come dimostrano i recenti decessi. Da settimane, per questo motivo, abbiamo chiesto alla Regione di istituire un tavolo di lavoro per individuare le criticità ed intervenire con immediatezza. Manca un piano sistemico di screening delle strutture residenziali per anziani e soltanto così si possono proteggere”. A lanciare l’allarme è Nicola Galdiero, presidente di Anaste Campania, l’associazione che rappresenta circa 100 strutture in regione. Partendo dal presupposto che “le attività di profilassi delle malattie infettive e di tutela degli ambienti di lavoro in caso di infezioni non endemiche sono in primo luogo di competenza dei Dipartimenti di Prevenzione delle Asl” e in applicazione “della circolare del Ministero della Salute di aprile 2020 che indica tra le priorità dello screening le Rsa”, Anaste chiede alle Aziende sanitarie locali di “effettuare i tamponi e i test sierologici a tutti gli ospiti e gli operatori delle strutture residenziali per anziani e di effettuare tali indagini con costi a carico del servizio sanitario nazionale e non delle singole strutture e con personale inviato dalla regione adeguatamente formato competente ed esperto”. Inoltre non è stato risolto il problema dell’approvigionamento dei Dpi. Le Rsa, così come tutte le altre tipologie di strutture sociosanitarie, necessitano per la loro attività di grandi quantitativi di dispositivi di protezione. Galdiero chiede quindi “un piano straordinario di acquisizione e distribuzione che permetta di superare questa fase, ma anche di gestire il prosieguo dell’emergenza per garantire la necessaria sicurezza a strutture e operatori delle strutture sociosanitarie che devono costituire la priorità della Protezione Civile, così come le strutture deputate all’accoglienza dei disabili che devono gestire spesso utenti con grave disturbo del comportamento e che mal sopporta il ricorso a tali dispositivi”. Infine un appello sui rischi di sostenibilità finanziaria delle strutture che operano per la terza età. “Il reclutamento indiscriminato del personale che le Asl stanno svolgendo nei confronti dei dipendenti delle Rsa e strutture residenziali per anziani mettendo in evidente ulteriore difficoltà le nostre strutture – prosegue la nota di Anaste -. Le strutture sociosanitarie si stanno impegnando con tutte le proprie forze organizzative umane, tecniche ed economiche-finanziarie. Il blocco del turn-over dei posti letto e la straordinaria impennata dei costi per i presidi di sicurezza, screening e sanificazioni, stanno mettendo a repentaglio già ora gli equilibri economici delle nostre strutture”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti