giovedì 6 Ottobre 2022
HomeAttualitàMorto Achille De Simone, definito "Uomo del popolo"

Morto Achille De Simone, definito “Uomo del popolo”

CERCOLA. E’ morto in mattinata Achille De Simone, ex consigliere comunale a Napoli e ex assessore al Comune di Cercola, detto l'”Uomo del popolo”. Così si autodefiniva e così veniva chiamato, in particolare dai suoi concittadini. Così, si legge oggi anche in uno dei tanti manifesti affissi non solo a Cercola, suo paese natale ma anche nei comuni viciniori. Alla fine è stata una lunga malattia a fermare la sua corsa più importante.

Pensionato, ex dipendente alla Regione Campania, 73 anni, sposato con Amalia e padre di cinque figli, è stato in politica praticamente da sempre. Nel 1978 è risultato il primo eletto nella città di Cercola nelle fila della Dc e ha indossato per la prima volta la fascia tricolore di primo cittadino.

Eletto consigliere comunale a Napoli nel 2006 con il Pdci e nel 2008 è stato eletto anche alle amministrative di Cercola dove ha rivestito la carica di assessore allo Sport e politiche sociali ma, stavolta, con il Pdl.

Nel 2008 è iniziata anche la sua vicenda giudiziaria: arrestato con l’accusa di violenza privata aggravata perché, secondo gli inquirenti, aveva costretto suo nipote, intenzionato ad aprire uno sportello antiracket a Cercola, a passare informazioni alla moglie del boss Vincenzo Sarno riguardo alle denunce mosse dai commercianti. Scarcerato per decorrenza dei termini, è stato condannato nel 2013 in primo grado alla pena di tre anni e sei mesi.

Nonostante la condanna si era candidato come primo cittadino alle amministrative del Comune di Cercola lo scorso anno con la lista civica “Noi Popolo del Sud”.

Le esequie si terranno domani, 2 aprile alle ore 10, nella chiesa dell’Immacolata Concezione, antistante il piazzale della Libertà a Cercola.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti