venerdì 29 Maggio 2020
Home Cultura e Spettacoli Bacoli. La mostra fotografica di Evan De Vilde

Bacoli. La mostra fotografica di Evan De Vilde

BACOLI – Fino al 30 giugno sarà possibile ammirare la mostra fotografica di Evan De Vilde, geniale ed eclettico artista fondatore dell’ archeorealismo. Nelle sue opere, esposte all’ interno delle sale delle Terme Stufe di Nerone (in via Stufe di Nerone, n° 45 Bacoli), l’ artista campano sperimenta nuovi linguaggi nell’ ambito della fotografia utilizzando la scanografia, una tecnica particolare poco conosciuta dal grande pubblico ma apprezzata da estimatori, che elabora risultati ottenuti con uno scanner.

Evan de Vilde –  fondatore del Dama Museum di Capua, designer, scrittore e poeta – è l’ ideatore dell’ archeorealismo, un movimento d’ avanguardia la cui poetica si basa sui contrasti estetico-linguistici dati dall’ utilizzo di reperti archeologici autentici installati in un ambiente moderno. Le sue opere, perciò, risultano originali, suggestive ed affascinanti e, l’artista campano, riesce sicuramente a classificarsi  in una  posizione privilegiata nel panorama artistico nazionale e internazionale.

Tra le venti opere esposte in sala, Evan De Vilde ci presenta alcune sue creazioni:«“A Buon Mercato”, improbabile proposta su di un immaginario banco di vendita, dove si offre un fossile con due monete antiche, materiali rigorosamente inventariati, il tutto caratterizzato dal perfetto equilibrio cromatico della composizione; “Modelli” due pagine tratte da antiche pubblicazioni di diversa matrice, una in latino e l’altra in arabo, sovrapposte ad una terza tratta da uno spartito musicale, pongono in evidenza la grandissima e mai sufficientemente valutata importanza della scrittura, con la quale non solo possiamo esprimere pensieri e concetti nei vari contesti linguistici, ma anche proporre linguaggi diversi, come ad esempio quello musicale; “Strumentazione” un assortimento di oggetti che evocano una sala operatoria utilizzando due forbici di diversa misura ed una pinzetta, abbinando così due strumenti chirurgici arcaici legando, attraverso una frattura temporale, epoche e culture profondamente diverse aventi in comune l’operosità e l’ingegno umani».

- Advertisement -

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

On line l’evento inaugurale Fondazione “Parco Letterario Giordano Bruno”

NOLA. Sabato 30 Maggio 2020 a partire dalle ore 10.00, si svolgerà in modalità telematica l’inaugurazione del nuovo corso della Fondazione Parco Letterario Giordano...

Medical Humanities, a Napoli il primo percorso universitario. Info

NAPOLI. Medical Humanities. Nasce a Napoli il primo Master nel Mezzogiorno dedicato alle scienze umane applicate alla cura dell’uomo. Con una collaborazione internazionale con lo...

Ovuli di eroina nascosti in bocca e nelle tasche. Arresti dei Falchi

NAPOLI. Lunedì sera i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato in vicoletto Tronari diverse...

Bar frequentato da pregiudicati, attività sospesa per 7 giorni

NAPOLI. Il Questore di Napoli, su proposta del Commissariato Poggioreale, ha disposto la sospensione per 7 giorni dell’attività di somministrazione al pubblico di alimenti...

Ottaviano. Donna positiva al virus. In isolamento 7 persone

OTTAVIANO. Donna positiva al virus. In isolamento 7 persone. Una cittadina residente a Ottaviano è risultata positiva al tampone per l’infezione da Covid – 19....
- Advertisment -