lunedì 3 Agosto 2020
Home Cultura e Spettacoli Mostra “Joan Miró, al Pan oltre 15 mila visitatori

Mostra “Joan Miró, al Pan oltre 15 mila visitatori

NAPOLI. “Joan Miró. Il linguaggio dei segni” PAN Palazzo delle Arti Napoli. Oltre 15.000 visitatori nel primo mese di apertura.

La grande mostra “Joan Miró. Il linguaggio dei segni” al PAN Palazzo delle Arti Napoli, in via dei mille 60, fino al 23 febbraio, è piaciuta tanto a cittadini, scuole e ai tanti turisti italiani, cinesi, giapponesi, inglesi, spagnoli e francesi in città. Oltre 15.000 visitatori hanno dato ampiamente ragione alla scelta dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, promotore dell’esposizione, organizzata dalla Fondazione Serralves di Porto con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare.

- Advertisement -

La possibilità di visitare una mostra imponente e di potere ammirare il lungo periodo produttivo dell’artista catalano, dal 1924 al 1981, è stata colta come una grande opportunità, non solo dagli amanti dell’arte e di Miró ma anche dalle scuole, che ne hanno compreso il grande valore didattico, grazie alla straordinaria unicità dell’offerta formativa, ludica e creativa dei percorsi pensati e realizzati dagli operatori del Progetto PanKids, organizzati grazie alla collaborazione nata con la società organizzatrice dell’esposizione: C.O.R. Creare Organizzare Realizzare. PanKids infatti racconta (e gioca con) Joan Miró, attraverso una proposta diversificata di visite guidate, percorsi creativi e laboratori (per bambini, ragazzi, adolescenti, scuole di ogni ordine e grado, gruppi e famiglie).

Curata da Robert Lubar Messeri, professore di storia dell’arte all’Institute of Fine Arts della New York University, sotto la preziosa guida di Francesca Villanti, direttore scientifico C.O.R, la mostra propone una passeggiata composta da nove percorsi, da Il Linguaggio dei segni e la Ballerina del 1924, dove viene messo in evidenza come Miró sfrutta le molteplici funzioni della linea come contorno, come scrittura e, nel caso dell’orizzonte, come indicatore dello spazio, consentendo scambi produttivi di significato; fino a Le tele bruciate e la morte del segno, dov’è esposta una delle cinque tele esistenti al mondo, che Miró esegue con il tessitore Josep Royo, nel dicembre 1973,, insieme a una sequenza di fotografie che mostrano i passaggi di questo magnifico lavoro.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Il corto di Pellecchia nella rassegna di Arci Movie a Villa Vannucchi

SAN GIORGIO A CREMANO. “L’amore oltre il tempo” diretto da Emanuele Pellecchia e prodotto dalla vomerese Phoenix Film Production, il cortometraggio muto e in...

Elezioni regionali, Storelli candidata con i Verdi. Presentazione a Striano

STRIANO. Elezioni regionali, Rosalia Storelli candidata con i Verdi. Mercoledì la presentazione a Striano. È stata ufficializzata nel corso del consueto videomessaggio della domenica, da...

Fiocco azzurro in casa Coppola-Righetti. Benvenuto Simone

Sant'Anastasia. Un batuffolo rosa di 3 chili e 600 grammi è venuto alla luce questa notte all'ospedale "Santa Maria della Pietà" di...

Lucia Di Pilato lascia il gruppo di Forza Italia

Somma Vesuviana. Lascia il gruppo di Forza Italia per passare al gruppo misto. Con una lettera inviata al presidente del consiglio di Somma Vesuviana...

Nervosismo al S.Paolo. Le dichiarazioni di Gattuso e Inzaghi

NAPOLI. Gattuso e Inzaghi hanno parlato del grande nervosismo che s'è visto al San Paolo nei minuti finali di Napoli-Lazio. Simone Inzaghi ha subito stemperato...
- Advertisment -