martedì 28 Gennaio 2020
Home Cultura e Spettacoli Mostra “Joan Miró, al Pan oltre 15 mila visitatori

Mostra “Joan Miró, al Pan oltre 15 mila visitatori

NAPOLI. “Joan Miró. Il linguaggio dei segni” PAN Palazzo delle Arti Napoli. Oltre 15.000 visitatori nel primo mese di apertura.

La grande mostra “Joan Miró. Il linguaggio dei segni” al PAN Palazzo delle Arti Napoli, in via dei mille 60, fino al 23 febbraio, è piaciuta tanto a cittadini, scuole e ai tanti turisti italiani, cinesi, giapponesi, inglesi, spagnoli e francesi in città. Oltre 15.000 visitatori hanno dato ampiamente ragione alla scelta dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, promotore dell’esposizione, organizzata dalla Fondazione Serralves di Porto con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare.

La possibilità di visitare una mostra imponente e di potere ammirare il lungo periodo produttivo dell’artista catalano, dal 1924 al 1981, è stata colta come una grande opportunità, non solo dagli amanti dell’arte e di Miró ma anche dalle scuole, che ne hanno compreso il grande valore didattico, grazie alla straordinaria unicità dell’offerta formativa, ludica e creativa dei percorsi pensati e realizzati dagli operatori del Progetto PanKids, organizzati grazie alla collaborazione nata con la società organizzatrice dell’esposizione: C.O.R. Creare Organizzare Realizzare. PanKids infatti racconta (e gioca con) Joan Miró, attraverso una proposta diversificata di visite guidate, percorsi creativi e laboratori (per bambini, ragazzi, adolescenti, scuole di ogni ordine e grado, gruppi e famiglie).

Curata da Robert Lubar Messeri, professore di storia dell’arte all’Institute of Fine Arts della New York University, sotto la preziosa guida di Francesca Villanti, direttore scientifico C.O.R, la mostra propone una passeggiata composta da nove percorsi, da Il Linguaggio dei segni e la Ballerina del 1924, dove viene messo in evidenza come Miró sfrutta le molteplici funzioni della linea come contorno, come scrittura e, nel caso dell’orizzonte, come indicatore dello spazio, consentendo scambi produttivi di significato; fino a Le tele bruciate e la morte del segno, dov’è esposta una delle cinque tele esistenti al mondo, che Miró esegue con il tessitore Josep Royo, nel dicembre 1973,, insieme a una sequenza di fotografie che mostrano i passaggi di questo magnifico lavoro.

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Morto l’operaio caduto da un’impalcatura a Sant’Anastasia

SANT'ANASTASIA-SOMMA VESUVIANA. Morte sul lavoro, si è spento dopo settimane di coma, l'operaio caduto da un'impalcatura al parco Boschetto di Sant'Anastasia. L'uomo di 54anni...

Teatro. Premio “Bruno Miselli 2020” all’attore Antonio Merone

SANT'ANASTASIA. Arriva un altro importante riconoscimento per Antonio Merone, l’attore cavaliere. A lui va il premio “Bruno Miselli 2020” per la sezione teatrale. Nuovo premio...

Parassiti intestinali: riunione tra preside, sindaco, medici e genitori

TORRE ANNUNZIATA. Infestazione parassitaria all'Istituto Comprensivo "Parini-Rovigliano"di via Mortelleto: riunione presso la sede comunale di via Schiti. Caso infestazione parassitaria da Ascaris lubricoides presso...

Intervista a Nello Trocchia, il cronista che lotta contro le mafie

Intervista al cronista napoletano Nello Trocchia. Tante le inchieste realizzate per "sabotare" il malaffare, l'ultima raccolta nel libro "Casamonica". Nasce nella città di Giordano Bruno...

Lotta ai parcheggiatori abusivi, 33 multati davanti allo stadio S.Paolo

NAPOLI. Un servizio d'ordine mirato a contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e attuato da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza...
- Advertisment -