lunedì 20 Settembre 2021
HomeCultura e Spettacoli'Mostri' l'ultimo libro della Hropich: 'Storie dure e spietate'

‘Mostri’ l’ultimo libro della Hropich: ‘Storie dure e spietate’

Libri. L’ amore per la scrittura nella scrittrice Alessandra Hropich nasce circa dieci anni fa quando le fu suggerito di scrivere ogni mattina i pensieri più immediati, progetti e desideri “perché durante la giornata tutto tende ad essere dimenticato”. «Amo e scrivo solo libri di storie vere, amo indagare l’animo umano e non mi è difficile visto che molti si aprono con me, affidandomi la loro parte più oscura e nascosta» spiega la Hropic continua: «il primo libro “Quando il mostro é il proprio padre!” (edizioni Bibliothek in versione ebook) e poi il secondo “La Felicità? Ve la do io!” (edizioni You can print), una raccolta di storie vere personali, poi “Vittima di mille ingiustizie! ”  e l’ultimo “Mostri!” che rappresenta il libro più difficile per me da scrivere, pur amando la scrittura. Non é facile contenere fatti e misfatti di persone assurde e raccontarle come se nulla fosse, considerando le atrocità che ho visto e conosciuto da  vicino. Storie dure, spietate come sanno essere tante brave persone ma solo in apparenza. Leggiamo sui giornali quotidianamente fatti criminosi, tutti siamo subito pronti ad esprimere un giudizio di sdegno ma pochi si soffermano davvero cercando di capire, di volta in volta, come accadono i fatti, perché si verificano, cosa c’ é a monte di qualsiasi fatto aberrante. L’ultimo libro racconta tante storie di crudeltà di vario genere, senza esclusione di colpi e senza pietà, storie di donne e uomini umiliati, rovinati da persone malsane, storie di gente capace di mettere sul lastrico salvo poi passare alla vittima successiva».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti