sabato 23 Ottobre 2021
HomeCronacaMuore al Cardarelli il giorno prima delle sue dimissioni. Il nipote: "Anche...

Muore al Cardarelli il giorno prima delle sue dimissioni. Il nipote: “Anche mio zio vittima di malasanità”

Napoli. Triste epilogo nella vicenda del ricovero di Antonio Cortese, 81 anni e zio del cantante neomelodico Raffaele Colaiacolo, in arte Raffaele Jacolo. Pochi giorni fa, esattamente il 15 settembre, Raffaele ci ha raccontato del ricovero all’ospedale Cardarelli dello zio per l’inserimento di un catetere a causa di un blocco urinario. Nei giorni successivi il ricovero, in seguito anche a un inizio di demenza dell’anziano zio, a Raffaele Jacolo non è stato permesso di fargli visita nonostante fosse provvisto di green pass.

Sempre il 15 settembre Raffele riuscì a parlare con un medico del reparto di medicina che gli assicurò che lo zio sarebbe stato dimesso tra il 18 e 20 settembre perchè si stava riprendendo e i parametri si stavano stabilizzando.

Leggi qui la sua storia

“Ho il Green Pass ma al Cardarelli mi vietano di assistere mio zio”: la denuncia del cantante Jacolo

Tuttavia due giorni dopo, il 17 settembre, a Raffaele comunicano la morte di suo zio per un arresto cardiocircolatorio.

E’ lo stesso Raffaele Jacono che racconta alla nostra redazione che suo zio è una possibile vittima di malasanità:

“Ho saputo che a mio zio non sono stati somministrati i medicinali Tavor e Cymbalta. A mio parere la sospensione dei predetti medicinali ha contribuito all’aggravamento dello stato di salute di mio zio, portandolo alla morte. La sospensione di questi due medicinali non può essere fatta di colpo, ma gradualmente, in quanto la repentina sospensione porta gravi problemi cardiaci, aritmie, tachicardie come è segnalato sul bugiardino degli stessi farmaci. Inoltre sono in possesso delle registrazioni della conversazione avuta con il medico che ha cambiato la diagnosi della morte in arresto renale dopo la mia contestazione circa la sospensione dei medicinali che avevano potuto provocare problemi cardiaci. Per concludere, ad accorgersi della morte di mio zio è stato un paziente ricoverato nella stessa stanza con lui.”

Raffaele Jacono ha denunciato tutto alla polizia ed è stato disposto il sequestro della salma e della cartella clinica.

La redazione de La Provinciaonline è, ovviamente, disponibile a raccogliere la versione dei fatti anche da parte della direzione sanitaria dell’ospedale qualora lo ritenesse opportuno.

Muore in ospedale, il figlio: ‘Mia mamma vittima di malasanità’. Denuncia

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti