mercoledì 1 Aprile 2020
Home Attualità Musica e resilienza, la storia dello speaker Pio Russo

Musica e resilienza, la storia dello speaker Pio Russo

NAPOLI. La storia dello speaker Pio Russo affetto da artrite reumatoide che lo costringe a lavorare da casa. Per lui tanto affetto dai grandi della musica italiana.

Una storia di coraggio e resilienza quella dello speaker napoletano Pio Russo costretto da due anni a lavorare da casa per seri problemi di salute. La sua odissea è stata raccontata già qualche mese fa da Fanpage, e oggi gentilmente la racconta anche a noi de La Provinciaonline. Il suo calvario è iniziato nel gennaio 2017 quando ha iniziato ad avere problemi alla gamba destra, inizialmente sottovalutati, ma che poi si sono aggravati nell’estate successiva quando i dolori si sono estesi anche all’altro arto e si è reso necessario il ricovero per circa tre mesi all’Ospedale Cardarelli di Napoli. La patologia accertata poi dai medici è stata quella di un’artrite reumatoide con una seria vasculite e un’altra seria affezione. Pio oggi è in cura al Primo Policlinico di Napoli, dove i medici stanno cercando di stabilizzare la sua situazione clinica. Ma nonostante gli ostacoli che la vita ha posto davanti al suo cammino, Pio continua a lavorare come speaker per Radio Base e lo fa da casa dove per lui è stata allestita una “postazione” speciale che lo permette di continuare a lavorare e ad intervistare i grandi della musica italiana. E lo fa con gioia e determinazione. Pio non si arrende, la sua voce continua ad entare nelle case, nelle auto e negli uffici e fa compagnia alle tante persone che ascoltano la sua trasmissione. Continuano i rapporti proficui con le etichette discografiche, mentre i suoi colleghi vanno a Sanremo lui da casa organizza le interviste con gli artisti in gara. Le ultime realizzate sono quelle del post festival a Rita Pavone, Raphael Gualazzi e Marco Masini. Videomessaggi per lui sono arrivati anche da Ermal Meta, Fabrizio Moro e Jovanotti. Lo Stato Sociale,classificatosi al secondo posto nel Sanremo 2018, è stato fin a casa sua. “Ho avuto sempre un ottimo rapporto con la musica” ci dice il nostro speaker e continua: “anche se ora gli artisti li posso incontrare solo telefonicamente questo mi aiuta ad andare avanti, loro sono molto disponibili”. Noi gli auguriamo di risolvere quanto prima i suoi problemi di salute e di continuare a raccontare l’evoluzione della musica italiana con la professionalità e la bravura che lo contraddistingue da sempre.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Gli avvocati scrivono a Conte per il “Riconoscimento dei diritti”

NAPOLI. Avvocatura, raccolta firme per il riconoscimento dei diritti. Riceviamo e pubblichiamo l'istanza inoltrata dagli avvocati inviata al presidente del Consiglio dei ministri, ai...

Acerra. Spesa solidale, l’aiuto dell’associazione “La Porta Aperta”

ACERRA. Spesa solidale, l'aiuto dell'associazione "La Porta Aperta". Il gran cuore degli acerrani non si ferma soprattutto durante la terribile emergenza economica causata dall'epidemia di...

Napoli. Covid19, avvocati: “No a prestazioni legali contro i medici”

NAPOLI. Campagne pubblicitarie per "assoldare" clienti contro i medici durante l'emergeza epidemiologica. L'Ordine degli avvocati di Napoli delibera l' "accertamento e il perseguimento delle...

Covid19, a Somma il bilancio dei casi positivi sale a 16

SOMMA VESUVIANA. Covid-19, oggi i casi positivi registrati sono 3, il bilancio complessivo sale a 16. Sale a 16 il bilancio dei contagiati da Covid-19...

Coronavirus. A Somma annullata la Processione del Venerdì Santo

SOMMA VESUVIANA. Covid19, annullata la processione del venerdì santo. La confraternita del "Pio e Laical Monte della morte pietà" organizzatrice della storica processione del venerdì...
- Advertisment -