martedì 4 Agosto 2020
Home Attualità Napoli. Coronavirus, Confapi: fase-2 una incognita, rischiamo crac

Napoli. Coronavirus, Confapi: fase-2 una incognita, rischiamo crac

«Sconfortante che ancora non sia partita la cassa integrazione»

La fase 2 non può essere considerata come la panacea di tutti i mali. Gli ultimi mesi fatti di serrande abbassate e mancanza di produttività hanno colpito al cuore le piccole e medie imprese. Persino una storica pasticceria, nonché brand di successo, come Cuori di Sfogliatella, si trova di fronte a muri che sembrano insormontabili. E forse lo saranno davvero senza l’aiuto concreto dello Stato.

- Advertisement -

«Indubbiamente stiamo affrontando in questo momento storico, noi come tutti, un problema totalmente nuovo, che non consente di avere certezze e per questo è più difficile da combattere. Il lockdown è un danno forse irreparabile. Fermare totalmente un’azienda, non consentendole di far fronte alle tante spese previste, può portare a una sola conclusione. Noi siamo chiusi da quasi due mesi e ci troviamo di fronte all’accumulo di problemi quali i costi fissi, il personale, le tasse, i fitti. E il fatto che la cassa integrazione per i dipendenti non sia ancora partita crea solo ulteriore sconforto». A parlare è Antonio Ferrieri, patron di Cuori di Sfogliatella e delegato all’agroalimentare di Confapi Napoli.

«Sono tante – prosegue – le cose che non sono state chiarite da uno Stato mancante sotto tanti aspetti. L’unica cosa che sappiamo è che anche la fase 2 sarà molto problematica, soprattutto per tutte le restrizioni che ancora ci saranno. E che vedrà un’attività come la nostra, che vende un prodotto “povero”, che non può usufruire di un’entrata continua e di massa di persone, ulteriormente danneggiata».

A rendere ancora più pesante il colpo subito sono senza dubbio i problemi che dovrà affrontare il comparto turistico. «Negli ultimi cinque anni abbiamo avuto un incremento esponenziale di turisti e questo ha portato ovviamente noi imprenditori a investire ulteriormente in nuove attività e punti vendita. Dopo questo terremoto, ovviamente, ci è crollato il mondo addosso e ci troviamo di fronte a un futuro tutto da definire».

«Le nostre aziende, oggi sono come dei malati intubati. Se lo Stato ci darà l’ossigeno necessario potremo salvarci, altrimenti – conclude – firmerà la morte di tante attività e di tante famiglie».

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Inchiesta Ospedali Covid, Villani: “Necessario commissariare l’Asl Na1”

Inchiesta Ospedali Covid. Villani (M5S)"É necessario commissariare l'Asl Na1 e reestituire dignità alla Sanità Campana".  “L'inchiesta sugli appalti per gli ospedali Covid ha finalmente...

Agosto al Teatro San Carlo, visite guidate. Info

NAPOLI. Teatro di San Carlo - Visite Guidate Agosto 2020 Anche quest’anno il Teatro di San Carlo sarà aperto per le visite guidate per tutto...

Abbandono scolastico, presentazione progetto “A Scuola per Mare”

Presentazione del progetto "A Scuola per Mare", cento giorni in barca per combattere l’abbandono scolastico. Prima presentazione pubblica del progetto A Scuola per Mare, selezionato...

Pomigliano. Falsi biglietti elettorali, FI chiarisce

POMIGLIANO D'ARCO. Bigliettino elettorale con Elvira Romano candidata sindaca, Coppola: "Un fake, coalizione ancora da definire". Caos in questi giorni a Pomigliano d'Arco e dintorni...

Nasce Go, la lista under 35 a sostegno del candidato Marino

San Giorgio a Cremano. GO! - GIOVANI ORGANIZZATI. Si chiama così la lista generazionale a sostegno di Giovanni Marino. Fatta di donne e uomini...
- Advertisment -