sabato 4 Dicembre 2021
HomeAttualitàNapoli. Lava-nolo tessili ospedali, lavoro a rischio per gli operai. Protesta

Napoli. Lava-nolo tessili ospedali, lavoro a rischio per gli operai. Protesta

Egea - Black Friday

NAPOLI. Continua la protesta degli addetti al lava-nolo dei tessili ospedalieri. I lavoratori in presidio permanente fuori i cancelli dell’Ospedale del Mare.

Preoccupazione per gli addetti al lava-nolo dei tessili ospedalieri, che dopo settimane di protesta continuano a vivere con la terribile “spada di Damocle” del licenziamento che pende sulle loro teste. Ormai quasi ex dipendenti della  ditta appaltatrice precedente, il passaggio di cantiere con la nuova “azienda” proveniente dall’Abruzzo ha creato non pochi dissensi. Come raccontato dagli operai la ditta subentrante vorrebbe riassumerli in apprendistato, nonostante le esperienze ultradecennali dei tanti lavoratori che verrebbero assunti cosí con un salario inferiore rispetto agli anni di servizio prestati all’ex ditta. Una “matassa” burocratica per la quale a pagarne le spese saranno i tanti padri di famiglia che rischiano di perdere il lavoro, anche perchè le prime lettere di licenziamento stanno per arrivare e il contratto proposto dalla nuova ditta lascia l’amaro in bocca. Dopo le proteste fatte le settimane scorse, gli operai sono in “presidio permanente” davanti all’Ospedale del Mare. “Dopo tanti anni di lavoro stiamo per finire in strada” commentano gli operai: “a pochi giorni dal licenziamento chiediamo che si prenda coscienza di quello che sta succedendo“.

Servizio lavanderia ospedaliera, protestano gli operai per nuovo contratto

Protesta. Lavanderia ospedaliera, notte all’addiaccio per i lavoratori

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti