giovedì 2 Dicembre 2021
HomeComunicati stampaNapoli, polemica stipendi fra Manfredi e De Magistris

Napoli, polemica stipendi fra Manfredi e De Magistris

Egea - Black Friday

Napoli. “L’ex sindaco de Magistris, dopo aver perso tutto elettoralmente, ha deciso di continuare a raccontare favole dopo dieci anni. Il sindaco Manfredi e la sua giunta prendono lo stesso stipendio di de Magistris e della sua giunta. Si discute in Parlamento di un possibile incremento dell’indennità per tutti i sindaci e le giunte d’Italia con un finanziamento dello Stato, ma nulla è ancora deciso: de Magistris non lo sa? Lo stipendio del direttore generale lo ha stabilito proprio de Magistris ed è quello che prendeva il suo direttore generale: de Magistris non lo sa? La sua giunta aveva 54 staffisti, la giunta Manfredi ne ha nominati zero perché hanno lasciato il Comune senza un euro: de Magistris non lo sa? Noi intanto siamo impegnati a rimediare allo sfascio che ha causato alla città e di cui i cittadini stanno pagando le conseguenze”.
Così, in una nota, la segreteria politica del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti