mercoledì 1 Dicembre 2021
HomeCronacaNapoli, rapina a carabiniere: 15enne ucciso, parenti distruggono ospedale

Napoli, rapina a carabiniere: 15enne ucciso, parenti distruggono ospedale

Egea - Black Friday

Nuovo episodio di far west nella città di Napoli, questa volta in pieno centro cittadino della città all’ombra del Vesuvio. Nella notte, infatti, si è svolto un conflitto a fuoco in via Generale Giordano Orsini, nella zona di Santa Lucia, vero e proprio cuore della metropoli partenopea. Nella sparatoria ha perso la vita un ragazzo di soli quindici anni di età, colpito al torace e alla testa da alcuni colpi di arma da fuoco.

Il racconto dei fatti

Il giovane è stato immediatamente soccorso dagli operatori del personale medico-sanitario del pronto soccorso, giunti prontamente sul posto della sparatoria con un’ambulanza del 118. Il quindicenne è stato subito trasportato d’urgenza, in codice rosso, presso l’istituto ospedaliero ‘Vecchio Pellegrini’ di Napoli, dove è morto pochi minuti dopo il suo arrivo nel reparto di rianimazione a causa dell’emorragia e delle gravi ferite riportate. Inutile ogni tentativo di salvarlo da parte dei sanitari: i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. I fatti sono avvenuti intorno alle ore 02:30 di oggi, domenica 1 marzo 2020. Le condizioni di salute del giovane sono appearse sin da subito estremamente tragiche. Da una prima sommaria ricostruzione dell’accaduto, come riporta anche l’edizione online del quotidiano ‘Il Mattino’ di Napoli, sembrerebbe che la causa del ferimento del ragazzo sia dovuta ad un conflitto a fuoco avvenuto durante la notte tra una baby-gang e i militari dell’arma dei Carabinieri.

Assalto all’ospedale da parte di amici e parenti

L’area del pronto soccorso del nosocomio partenopeo della Pignasecca è stata assalita nel vero senso della parola da parenti, familiari e amici del minore che, appresa la drammatica notizia, sono entrati nel presidio ospedaliero e hanno devastato tutto, distruggendo barelle, macchinari clinici, personal computer e altri arredi e altrezzature. Solo l’intervento delle forze dell’ordine con gli agenti del locale commissariato di Pubblica Sicurezza della Polizia di Stato ha impedito che la situazione degenerasse ulteriormente. A confermare la notizia dell’assalto al pronto soccorso, stigmatizzando con forza tale comportamento, è lo stesso direttore generale dell’A.S.L. Napoli 1 Centro, il dottor Ciro Verdoliva, che ha constatato con un sopralluogo presso l’ospedale gli ingenti danni causati e la totale mancanza delle seppur minime condizioni igienico-sanitarie in seguito al raid.

‘Un fatto gravissimo’ – ha detto il direttore generale – esprimento piena e totale solidarietò e vicinanza agli operatori del personale medico-sanitario, sempre più spesso vittime innocenti di minacce e insulti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti