lunedì 14 Giugno 2021
HomeAttualitàNapoli. Una panchina rossa per Ornella Pinto

Napoli. Una panchina rossa per Ornella Pinto

Da ieri al porto di Napoli c’è una panchina rossa affinché sia indelebile il ricordo di Ornella Pinto, la giovane donna uccisa con diverse coltellate dall’ex marito nella notte tra il 12 e il 13 marzo scorso. Una data non casuale: ieri Ornella avrebbe compiuto 40 anni.

L’iniziativa è stata promossa dalla Uil Campania, con l’Autorità portuale. La panchina è stata installata proprio davanti alla sede del sindacato con cui Ornella aveva collaborato presso il Centro di formazione prima di diventare insegnante. ”Purtroppo non si fa mai abbastanza per contrastare la violenza di genere – ha detto Giovanni Sgambati, segretario Uil Campania – e su questo fronte ritengo che per contrastare la violenza contro le donne si debba partire da una battaglia culturale riguardo al lavoro: oggi sono ancora troppo poche le donne che lavorano”. La panchina dunque vuole essere ”un monito” per la comunità e per tutti coloro che passano attraverso il nostro porto. ”Le panchine sono sicuramente utili – ha sottolineato Sgambati – ma lo sono altrettanto i nostri sportelli per il mobbing e lo stalking perché è fondamentale ascoltare le donne, assisterle e supportarle nel percorso di denuncia delle violenze”. La panchina rossa, realizzata dall’artista Valentina Guerra, è arricchita dal disegno di alcune farfalle a simboleggiare la fragilità e la bellezza delle donne. Alla cerimonia ha partecipato la famiglia di Ornella, rappresentata dal papà Giuseppe e dalle sorelle. Con loro la vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, Loredana Raia, e il presidente dell’Autorità portuale, Andrea Annunziata.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti