giovedì 29 Settembre 2022
HomeAttualitàNasce l'Aicast a Sant'Anastasia a tutela del commercio e dell'artigianato

Nasce l’Aicast a Sant’Anastasia a tutela del commercio e dell’artigianato

Sant’Anastasia. È stata costituita l’Aicast (Associazione Industria, Commercio, Artigianato, Servizi e Turismo) di Sant’Anastasia, Marco Bove sarà il presidente della locale sede Aicast, Giuseppe Di Marzo il vice presidente e il tesoriere Giuseppe Fasano. Ieri nella sede in piazza IV Novembre 8 i componenti della associazione anastasiana hanno ricevuto la visita di Ciro Fiola presidente Camera di Commercio di Napoli e del vicesindaco di Sant’Anastasia Mario Trimarco.
“Ho raccolto con piacere l’invito dei miei cari amici Marco Bove, Giuseppe Di Marzo e Giuseppe Fasano”, commenta Trimarco, “Che insieme al Presidente Fiola ieri hanno presentato la sede Aicast di Sant’Anastasia e i loro progetti. Mi sento di fare i miei complimenti a chi scelto di metterci la faccia nel tentare di promuovere le attività commerciali ed artigianali nel nostro paese e sono certo che su questa strada faranno icastbene”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti