mercoledì 8 Dicembre 2021
HomePoliticaNocerino: "La giunta si è dimessa forse perchè illegittima?"

Nocerino: “La giunta si è dimessa forse perchè illegittima?”

SOMMA VESUVIANA. Prima che gli assessori decidessero per le dimissioni contemporanee una nota firmata da Giuseppe Nocerino, capogruppo dei Moderati per Somma, gettava ombre sulla legittimità della giunta di Pasquale Piccolo.

Se già prima delle dimissioni dell’assessore Elena Terraferma mancava una quota rosa (come sottolineato da M5s e dal prefetto di Napoli e soprattutto come previsto dalla Legge Delrio) peggio è andata dopo con la sola presenza di Clelia D’Avino nell’esecutivo di centrodestra.
“Non conosciamo i motivi delle dimissioni”, commenta Nocerino, “aspetto che siano fatte dichiarazioni ufficiali da parte dei coordinatori politici dei partiti e movimenti cui gli assessori fanno riferimento. Le motivazioni potrebbero essere tante, tra queste anche quelle che la giunta poteva produrre atti che potevano considerarsi annullabili. Non essendoci la giusta quota rosa, venendo meno la Terraferma, la percentuale di differenza di genere si era ridotta al 20%, atti quindi certamente annullabili. Già lunedì, in tal senso, avevo protocollato una comunicazione al presidente del consiglio e ai consiglieri comunali. Gli atti prodotti da metà settembre in poi sarebbero, diciamo così, molto ai limite della legge”. Ma l’attenzione di Nocerino si sofferma anche sui gruppi che appoggiano Piccolo: Fratelli d’Italia, Alleanza per Somma, Noi Sud, Aurora, Progetto Somma.
“E’ giusto che ora i pariti facciano delle dichiarazioni rispetto alle trattative che il sindaco sta facendo, anche col Pd”, aggiunge l’esponente dei Moderati per Somma, “e rispetto alla posizione dei Moderati. Noi per esempio, non siamo mai stati convocati per discutere. Vogliamo creare un altro mistero? Un altro punto interrogativo? Possiamo essere più chiari, possiamo avere anche le motivazioni politiche, oltre a quelle degli assessori, visto che questa giunta aveva un colore politico che faceva riferimento a dei gruppi consiliari? Noi sud, Fratelli d’Italia, Aurora e Progetto Somma, ad esempio, cosa pensano di quanto sta accadendo. Vorremmo sapere, se per esempio Noi Sud o FdI aprono al Pd? Se invece non aprono ai Moderati? Auspichiamo chiarezza per far uscire Somma dalla confusione politica e istituzionale che si sta creando. Si sta facendo di tutto per non far capire nulla ai cittadini”. Un po’ di chiarezza promettono di farla loro questa sera, giovedì 8 ottobre, nel corso dell’incontro pubblico che hanno fissato nella sala Santa Caterina alle 18,30.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti

Armato aggredisce poliziotti a S.Vitaliano: 2 arresti

Nola. Ruba giubbini da 4500 euro: arrestato

Ottaviano, 200mila euro per il Palazzo Mediceo

Super green pass, sanzioni in un bar a San Giuseppe