martedì 27 Settembre 2022
HomeAttualitàNola. Venti sedie a rotelle donate all'ospedale dall'Unitas

Nola. Venti sedie a rotelle donate all’ospedale dall’Unitas

NOLA – Stamattina, alle ore 10, l’ Unitas associazione ha donato, alla struttura ospedaliera di Nola, 20 sedie a rotelle e un’ apparecchiatura al reparto di ginecologia.

E’ solo grazie al progetto dell’ associazione Unitas – chiamato “Adotta l’ Ospedale”, giunto quest’anno alla sua 3° edizione – che il presidio ospedaliero Santa Maria della Pietà di Nola ha ricevuto in donazione ben 20 sedie a rotelle, che verranno poi distribuite nei diversi reparti. Ma non solo, al reparto di ginecologia è stata donata anche una particolare apparecchiatura il ” Palvi Ball” : strumento utilissimo che aiuterà molto le donne durante il parto.

La tradizionale serata di beneficenza, organizzata dall’ Unitas associazione, quest’anno ha visto la straordinaria partecipazione della città, quasi 700 persone che hanno partecipato al teatro Umberto di Nola, e di artisti importanti del calibro di Nello Iorio di “Made in sud”, che hanno sposato gratuitamente la causa. Il Presidente dell’ associazione Antonio Laurino, in merito all’  iniziativa, ha dichiarato:«il nostro progetto, in tre anni, ha raggiunto dei livelli incredibili. Quest’anno – spiega –  è riuscito a coinvolgere 700 persone che sono venute al teatro Umberto, divertendosi e allo stesso tempo facendo beneficenza, oltre ad artisti importanti che hanno sposato la causa. L’obiettivo – afferma –  è quello di coinvolgere sempre più persone e quindi poter comprare sempre più apparecchiature per il nostro ospedale. Ormai siamo diventati il loro punto di riferimento così come quello di molti cittadini e associazioni».

Il progetto “Adotta l’ Ospedale” dell’ Unitas associazione  è un progetto che mira proprio a “prendere in adozione” l’ospedale della propria città, attraverso donazioni e attività: il primo anno l’associazione donò all’ ospedale televisori distribuiti nei diversi reparti; lo scorso anno, invece, fu donato, al reparto di pediatria della struttura ospedaliera, un particolare macchinario in grado di  rilevare i segni vitali dei bambini.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti