sabato 10 Dicembre 2022
HomeNewsNola e la cesta della biodiversità, questa la mission degli agricoltori custodi

Nola e la cesta della biodiversità, questa la mission degli agricoltori custodi

Nola. Portare l’Italia in tavola si può. Un modello nuovo ed integrato di mangiare sano sostenendo quei prodotti, espressione dei nostri territori che, senza un adeguato piano di salvaguardia, rischierebbero l’estinzione.

È la ricetta proposta dalla “cesta della biodiversità” di cui gli agricoltori custodi sono i principali interpreti oltre che sostenitori, promuovendo una cultura agricola nutraceutica e terapeutica.
Un progetto ambizioso portato avanti con l’istituto CREA e che oggi si apre alla grande distribuzione grazie all’intuizione dell’imprenditrice nolana Maria Grazia Galeotafiore, nota per il suo impegno nel sociale oltre che alla guisa di cinque supermercati a marchio Conad.
E proprio il Conad Superstore di Nola e quello di Casamarciano ospiteranno sugli scaffali questi prodotti di nicchia favorendo una filiera rigenerativa e sostenibile.
“Lavoriamo per portare questi prodotti ad essere accessibili a tutti – spiega MariaGrazia Galeotafiore – aprirsi alla grande distribuzione significa proprio questo, arrivare alle famiglie facendo comprendere l’importanza del progetto che rappresenta una grande opportunità per tutti noi di usufruire di un’alimentazione sana che va ben al di là del biologico”.
“Siamo partiti dai semi antichi a rischio estinzione per poi coinvolgere gli agricoltori custodi attraverso la banca del germoplasma – aggiunge Rosa Pepedell’istituto CREA – oggi la nostra attenzione è rivolta ai prodotti creando una rete che possa favorirne la conoscenza e di cui Maria Grazia Galeotafiore è la nostra principale interprete oltre che interlocutrice”.
“Una filiera corta che mette insieme le aree interne con quelle metropolitane è la strada da perseguire se vogliamo che questi prodotti non siano occasionali sulla nostra tavola – aggiunge Anna PinaArcaro, amministratore unico società Consortile – la nostra  è una sinergia non solo agricola ma anche culturale perché permette di conoscere, accanto ai prodotti, anche i territori di provenienza”.
L’evento di presentazione ha interessato anche il Conad di Casamarciano di via Nazionale delle Puglie a cui ha preso parte anche il primo cittadino Clemente Primiano che ha rimarcato l’importanza di intraprendere un dialogo costante con tutte le parti coinvolte nel progetto per favorire occasioni di confronto impegnandosi fin da ora a lavorare alla stesura di un progetto comune.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti