sabato 8 Agosto 2020
Home Cronaca Nola. Opere rubate da S.Maria del Plesco. Domani restituzione alla diocesi

Nola. Opere rubate da S.Maria del Plesco. Domani restituzione alla diocesi

NOLA. Il comando carabinieri Tutela Patrimonio Culturale restituisce alla Diocesi 6 sculture in marmo raffiguranti angeli/putti attribuiti all’artista Domenico Antonio Vaccaro (XVIII Sec.).

Domani alle 11 a Nola nella Diocesi alla presenza del vescovo Francesco Marino, il maggiore Michelangelo Lobuono, comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma, restituirà 6 sculture in marmo raffiguranti angeli/putti attribuiti a Domenico Antonio Vaccaro (XVIII Sec.), trafugati fra il 1970 ed il 1999 dalla Chiesa di “Santa Maria del Plesco” a Casamarciano.
Le indagini relative al recupero dei beni sono state avviate d’iniziativa il 13 settembre 2019, nell’ambito di un’attività preventiva finalizzata al contrasto della commercializzazione di beni culturali illecitamente sottratti, in un esercizio commerciale di settore della Capitale che ha consentito di sequestrare 3 angeli/putti attribuiti a Domenico Antonio Vaccaro.  I rilievi fotografici dei beni esposti in vendita di elevato pregio e fattura sono stati confrontati con le immagini contenute nella banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, il più grande datebase di opere d’arte rubate al mondo gestita del comando carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. Le immagini hanno permesso di individuare le sculture rubate a Casamarciano. I successivi approfondimenti investigativi,  coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma dalla sostituta procuratrice Laura Condemi, hanno consentito il riconoscimento e il recupero di altri due angeli in possesso di un antiquario di Palermo e di un terzo acquistato da un cittadino privato residente nel cremonese. Determinante per il recupero dei beni è stata la collaborazione fornita nelle indagini  dall’ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della diocesi di Nola.
Le sculture verranno collocate in esposizione permanente all’interno del Salone dei Medaglioni del Museo Diocesano, dove è attualmente esposta la tela di San Luca, un tempo collocata nel coro della chiesa di “Santa Maria del Plesco”, unitamente alla pala d’altare raffigurante l’Annunciazione.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Elezioni a Sant’Anastasia. Iervolino: “Torniamo a fare politica”

Sant'Anastasia. "Torniamo a fare politica". Così il candidato sindaco del centrosinistra a Sant'Anastasia. "Dopo la fine anticipata delle amministrazioni che hanno governato Sant'Anastasia negli...

Brusciano. Enzo Cerciello è Candidato PSI alla Regione con De Luca Presidente

Brusciano . A Brusciano per le Elezioni Regionali 2020 in Campania nella lista PSI con De Luca Presidente, si candida il Dottore Enzo Cerciello,...

Ravello Festival, sonorità spagnole per il “Concerto all’alba”

RAVELLO (SA). Il Concerto all’alba di Ravello quest’anno parla spagnolo. Ecco l’evento più atteso dell’anno. Al Ravello Festival, come da tradizione, ritorna il rito della...

Inchiesta appalti Covid in Campania, Falanga (Udc): “De Luca chiarisca”

NAPOLI. "Da garantista quale sono sempre stato, e approssimandosi, in Campania, il voto per il rinnovo del Consiglio regionale, sento di dover porgere una...

Ingegneri, premi per tesi Laurea in memoria di Poulet. Info domande

NAPOLI. Ingegneri, tre premi per tesi di Laurea in memoria di Giorgio Poulet. Domande entro il 30 settembre. L'Ordine degli Ingegneri di Napoli, in memoria...
- Advertisment -