giovedì 9 Febbraio 2023
HomeCronacaNola. Sequestrati 9,3 milioni di euro a società di prodotti alimentari e...

Nola. Sequestrati 9,3 milioni di euro a società di prodotti alimentari e igiene della casa

Nola. Indagini del Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Napoli che, su delega della Procura di Nola, hanno portato al sequestro preventivo di oltre 9 milioni di euro a un’impresa nolana (attiva nell’ingrosso alimentare) per reati tributari connessi a una frode IVA (detta carosello) estesa anche all’estero.

I finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca diretta o per equivalente della somma di oltre 9,3 milioni di euro, corrispondente al profitto del reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, commesso negli anni d’imposta dal 2014 al 2020 dall’amministratore di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e per l’igiene della casa.
Il provvedimento cautelare è stato adottato dal Gip del Tribunale di Nola sulla base delle indagini svolte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli, che hanno consentito di disvelare un ramificato sistema di frode carosello all’IVA attuato con l’interposizione fittizia nella catena commerciale di numerose società “cartiere”, con sedi tra Napoli e Salerno, nonché in Belgio, Bulgaria, Lituania e Spagna.
“Attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni soggettivamente inesistenti emesse dalle predette società”, si legge in una nota del procuratore Arturo De Stefano, “prive di struttura aziendale e dedite alla sistematica violazione degli obblighi di dichiarazione e versamento dell’IVA, il destinatario dell’odierno provvedimento di sequestro ha potuto abbattere sistematicamente il proprio carico fiscale, praticando sul mercato prezzi illecitamente concorrenziali rispetto agli altri operatori del settore.
Le evidenze investigative sono state corroborate anche dall’esame di dati informatici e dall’esecuzione di indagini finanziarie, nonché da ulteriori elementi acquisiti attraverso la cooperazione internazionale con gli organi collaterali esteri”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti