giovedì 2 Dicembre 2021
HomeCronacaOmicidio Merdith Kercher, Rudy Guede verso la libertà

Omicidio Merdith Kercher, Rudy Guede verso la libertà

Egea - Black Friday

L’omicidio di Meredith Kercher noto anche come “Delitto di Perugia” è tra i casi di cronaca nera che più hanno fatto scalpore tra l’opinione pubblica; dal lungo processo alle interviste di grandi programmi televisivi per Raffaele Sollecito e Amanda Knox, indagati come presunti coautori del delitto, ma che sono stati assolti in via definitiva.
In queste ore si è tornato sul caso perché Rudy Guede, unico condannato per l’omicidio, ha chiesto lo sconto sulla fine della pena.

Grande l’attesa per la decisione del magistrato di sorveglianza sulla richiesta di Guede di ottenere altri 45 giorni di sconto sul fine pena previsto al 4 gennaio 2022; se l’istanza dovesse essere accettata tornerebbe subito libero.
L’avvocato dell’imputato, Fabrizio Ballarini, ha dichiarato: “Guede è attualmente affidato ai servizi sociali e ha già ottenuto mille e 100 giorni di sconto di pena sui 16 anni di reclusione che gli sono stati inflitti con il rito abbreviato”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti