sabato 23 Ottobre 2021
HomeAttualitàNapoli. "Sos studenti" nasce una onlus all'università Parthenope

Napoli. “Sos studenti” nasce una onlus all’università Parthenope

NAPOLI – Nata da un’ idea di Luigi Spinosa – presidente del consiglio direttivo dell’ associazione – e dagli studenti del dipartimento di giurisprudenza dell’università degli Studi di Napoli Parthenope, l’onlus ha immediatamente riscosso grande successo e raccolto parecchie adesioni. Lo scopo fondamentale di quest’ organizzazione  non lucrativa è tutelare i diritti dello studente italiano, in particolar modo quello “parthenopeo”, ed ha come missione l’ integrazione europea e la tutela dei diritti delle categorie svantaggiate.

“I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo”. Questa celebre frase di Sandro Pertini la ritroviamo, come benvenuto, nel blog dedicato alla onlus “Sos Studenti Sud Campania” di cui fanno parte, oltre a Luigi Spinosa, il presidente Simone Rappucci, il coordinatore sociale Gianmarco Scioscia, Federico Caldora e Gianluigi Osservanza, rispettivamente, amministratore e grafico del forum.

«La nostra onlus – dichiara Gianmarco Scioscia –  ha come obiettivo principale quello di  creare coesione e favorire lo scambio di idee tra studenti universitari, al fine di porre in essere progetti extracurriculari finalizzati alla crescita personale e professionale dei propri associati – e, il coordinatore Scioscia, ci spiega quali sono stati i progetti più rilevanti dell’ associazione – tra i primi, di particolare interesse, ricordiamo “De Iure Condendo”, tenutosi tra ottobre 2013 e marzo 2014, che ha visto la partecipazione di 20 studenti di giurisprudenza (10 uomini e 10 donne) nello studio , prima teorico e poi pratico, del procedimento legislativo regionale».

Infatti, proprio nella fase teorica, si sono susseguiti alcuni incontri come quello con un docente di diritto costituzionale – per comprendere il procedimento legislativo regionale con riferimenti ai limiti espressi in Costituzione e ai nuovi limiti dell’ Unione Europea – l’ incontro con un magistrato – per capire l’ iter interpretativo che un magistrato deve affrontare nell’ applicazione delle leggi ai casi concreti di controversie civili e penali – e un appuntamento con un dirigente della prima commissione per gli affari istituzionali del C.R.C. in cui c’è stata la spiegazione  dell’ iter burocratico che segue una legge regionale.

Non sono mancate le attività pratiche che hanno coinvolto tantissimi studenti, infatti, l’ associazione ha posto in essere varie visite: alla Giunta regionale e al Consiglio regionale della Campania guidati dall’onorevole Angelo Marino; alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica guidati dall’onorevole Renata Polverini; al Palazzo Chigi e al Parlamento europeo, presso il quale gli studenti faranno uno stage per vedere come, attraverso la legislazione comunitaria, si influenza l’operato delle regioni italiane.

Questo e tanto altro ancora per promuovere e diffondere un “modello innovativo di studente”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti