giovedì 22 Aprile 2021
HomeAttualitàOrdigno devasta un supermercato, Di Nardo (Idv): "Lo Stato intervenga contro l'incubo...

Ordigno devasta un supermercato, Di Nardo (Idv): “Lo Stato intervenga contro l’incubo racket”

CASTELLAMMARE DI STABIA. In serata un ordigno esplode davanti alla serranda e devasta un noto supermercato a Castellammare di Stabia. La deflagrazione, sentita a chilometri di distanza, ha mandato in frantumi i vetri delle abitazioni circostanti e distrutto due auto. Le modalità non lasciano dubbi sulla matrice malavitosa e all’ipotesi racket.

«Da quanto emerge dai primi accertamenti, ci troviamo di fronte alla recrudescenza di una criminalità agguerrita e pericolosa – spiega Nello Di Nardo, segretario regionale IdV –, ma lo Stato non deve abbassare la guardia anzi, se confermata l’ipotesi racket, le istituzioni hanno il dovere schierarsi con forza maggiore dalla parte dei cittadini per debellare il cancro che devasta questa città. Contro queste persone senza scrupoli che non hanno esitato a mettere in pericolo le tante persone che a quell’ora passeggiano nel pieno centro cittadino».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti