sabato 24 Ottobre 2020
Home Attualità Ortopedia ospedale di Sorrento, nuova via di accesso chirurgica all’anca

Ortopedia ospedale di Sorrento, nuova via di accesso chirurgica all’anca

Sorrento. Per la prima volta l’equipe del primario Raffaele D’Ambra ha utilizzato una tecnica innovativa ed alternativa rispetto a quelle tradizionali

Dopo una prima fase di addestramento su cadaver lab e live surgery presso centri specializzati, l’equipe del dottor Raffele D’Ambra primario di ortopedia all’ospedale di Sorrento – Asl Napoli 3 Sud – è riuscita ad eseguire anche nella struttura ospedaliera sorrentina una nuova tecnica di accesso chirurgica all’anca su tre pazienti.
Un intervento che per la prima volta (grazie anche all’ausilio di uno strumentario chirurgico appositamente disegnato) ha visto l’utilizzo di una modalità innovativa ed alternativa rispetto a quelle tradizionali.
Un approccio descritto nel 1881 dal chirurgo tedesco Carl Hueter, poi ripreso e messo a punto nel 2005 nella sua versione mininvasiva.
Approccio mininvasivo non soltanto per l’incisione cutanea di soli 8 cm.
Questi i principali vantaggi della tecnica:
– il chirurgo raggiunge l’articolazione dell’anca senza danneggiare, incidere o sacrificare alcun muscolo;
– non danneggiando i muscoli dell’anca la ripresa funzionale è più rapida e più fisiologica, al punto che in alcuni casi il paziente può alzarsi anche dopo alcune ore dall’intervento;
– scarse perdite ematiche per cui i pazienti in buone condizioni fisiche e soprattutto giovani, possono anche non usufruire di emotrasfusione;
– è possibile operare in contemporanea entrambe le anche nello stesso paziente in una unica seduta operatoria.
“Sono ormai 17 anni che dirigo l’ortopedia dell’ospedale di Sorrento – spiega il primario D’Ambra – e posso dire con orgoglio che sin dal primo giorno il mio obiettivo principale è stato quello di garantire per i pazienti le tecniche chirurgiche all’avanguardia realizzabili in un piccolo ospedale. L’artroscopia, la protesizzazione del ginocchio computer assistita, la ricostruzione dei legamenti del ginocchio in artroscopia, la protesizzazione della spalla, ma anche l’introduzione di tecniche avanzate applicate alla traumatologia delle grosse e delle piccole articolazioni (spalla, gomito, polso, caviglia). Siamo anche i primi in Campania ad adottare una tecnica mininvasiva importata dagli Stati Uniti per le riparazioni chirurgiche del tendine di Achille”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Controllo antiCovid, la polizia locale scopre barbiere e parrucchiere abusivi

Marigliano. Controlli che hanno l'obiettivo di tutelare la salute dei cittadini, soprattutto riguardo i contagi da Coronavirus. Sono quelli che stanno portando avanti...

Manifestanti no-lockdown, guerriglia urbana a Napoli

NAPOLI. Scene di guerriglia urbana in via Santa Lucia, davanti al palazzo della Regione Campania. I manifestanti scesi in piazza contro le restrizioni anti...

A San Giuseppe Vesuviano una donna è morta per Covid, il cordoglio del sindaco

San Giuseppe Vesuviano (Napoli). Un nuovo decesso per Coronavirus. A comunicarlo il sindaco di San Giuseppe Vesuviano Vincenzo Catapano. "Mi hanno...

I sindaci scrivono a Conte e De Luca: “Signori Presidenti, siamo al collasso”

Pubblichiamo la lettera dei sindaci inviata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. "All'onorevole presidente del consiglio...

Somma Vesuviana Autism Friendly, parte il progetto “una città per tutti”

Somma Vesuviana. Via al progetto Prende il via il progetto “UNA CITTA’ PER TUTTI: Somma Vesuviana Autism Friendly” per la realizzazione in città di una...
- Advertisment -