martedì 29 Settembre 2020
Home Attualità Ospedale di Nola, il vescovo Depalma ammonisce i politici

Ospedale di Nola, il vescovo Depalma ammonisce i politici

NOLA. Il vescovo Beniamino Depalma, dopo le notizie emerse sulla stampa, ha visitato oggi pomeriggio il reparto di Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria la Pietà di Nola.

“Sono vescovo qui da 17 anni – ha detto Depalma– e da 17 anni la politica fa le stesse promesse: reparti nuovi, personale, barelle. Poco o pochissimo è stato realizzato. Non intendo partecipare al triste gioco della criminalizzazione dei medici di questa struttura. La politica non agisca, a danno avvenuto, con soluzioni buone solo a strappare un titolo di giornale. Lavorino insieme per risolvere in modo strutturale problemi che vengono rinviati sulla pelle dei cittadini e dei malati”.

Il vescovo Beniamino Depalma, dopo le notizie emerse sulla stampa, ha visitato oggi pomeriggio il reparto di Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria la Pietà di Nola. Dopo aver salutato medici e infermieri al lavoro, nonché i pazienti assistiti, monsignor Depalma ha chiesto un colloquio ai dirigenti del presidio sanitario per chiarimenti circa quanto accaduto nelle scorse notti.

- Advertisement -

“Sono vescovo qui da 17 anni – ha detto Depalma all’uscita dal Santa Maria la Pietà – e da 17 anni la politica fa le stesse promesse: reparti nuovi, personale, barelle. Poco o pochissimo è stato realizzato. Sono state necessarie immagini pubblicate sui social network per risvegliare le coscienze della politica nazionale e regionale. Tuttavia, non intendo partecipare al triste gioco della criminalizzazione dei medici di questa struttura di Pronto soccorso. Li ho visti salvare troppe vite umane per arrivare alla conclusione che sia loro la colpa delle scene che abbiamo visto. Le colpe partono dai vertici delle istituzioni e del sistema sanitario, che non vedono le enormi difficoltà dell’ospedale di Nola nel rispondere con pochi mezzi a una platea di circa 500mila cittadini. La politica non agisca, a danno avvenuto, con soluzioni buone solo a strappare un titolo di giornale. Lavorino insieme, amministratori pubblici, manager e medici per risolvere in modo strutturale problemi che vengono rinviati sulla pelle dei cittadini e dei malati”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Scuola. Aprire in sicurezza, l’Asl Na3 sud forma insegnanti Covid

L’Asl Napoli 3 Sud al fianco degli istituti per una riapertura in sicurezza. In collaborazione con le istituzioni scolastiche regionali l’azienda sanitaria ha attivato...

Novità editoriale: “Sopravvissuti”. Le presentazioni

NAPOLI. Martedì 29 settembre ore 18:30  in diretta sul canale YouTube della Polidoro Editore con Vincenza Alfano, Giovanna Scalzo e Antonio Esposito e Sabato 3...

“Abitare la storia: la casa dei Correale”, visita guidata a Sorrento

SORRENTO. Il presidente Gaetano Mauro, il CdA e il direttore Filippo Merola, nell’ottica di collaborazione con le associazioni locali già da tempo intrapresa con...

Successo per il Premio Ambasciatori del Sorriso 2020

SAN VITALIANO. Grande successo per il Premio  Ambasciatori del Sorriso 2020. Tra i premiati tante eccellenze. Dott. Paolo Ascierto, il magistrato Catello Maresca, lo scultore...

Giovedì sera al Museo, riparte la programmazione al MANN

NAPOLI. Visite ed eventi serali al Museo, si riparte: dal 1° ottobre al 3 dicembre, il MANN sarà aperto ogni giovedì, dalle 20 alle...
- Advertisment -