sabato 26 Settembre 2020
Home Politica Panico: "Reddito cittadinanza, nell'Agro numerosi beneficiari e pochi progetti"

Panico: “Reddito cittadinanza, nell’Agro numerosi beneficiari e pochi progetti”

LAVORO. Progetti utili alla collettività nell’agro Comuni fermi al Palo: appello di Panico (M5S).

“Reddito di cittadinanza, nell’Agro numerosi beneficiari e pochi progetti”: parte l’appello del candidato al Consiglio Regionale del MoVimento 5 Stelle, Cosimo Panico per i Progetti Utili alla collettività. “Con la carenza di organico oramai cronica nei Comuni dell’Agro Sarnese Nocerino, è impensabile non approfittare di un’occasione come questa per rinforzare il gruppo dei dipendenti pubblici. In attesa che la ricerca del lavoro attraverso i centri per l’impiego vada a buon fine, il Ministero del Lavoro ha previsto già nel 2019 e ha dato come scadenza ultima lo scorso 17 luglio la possibilità ai Municipi di impiegare i percettori del reddito di cittadinanza residenti in attività utili alla collettività e in progetti comunali. Non è chiaro perché in molti Comuni dell’Agro Sarnese Nocerino, come ad esempio Angri, San Valentino Torio e altri, non abbiano ancora approfittato di questa opportunità” – specifica Panico – “Questo sembra un sabotaggio: già in Campania rispetto ad altre Regioni siamo stati costretti a partire tardi per l’insana scelta del Governatore di non dar seguito nei tempi stabiliti dal Ministero, all’assunzione dei navigator, ovvero figure che avrebbero guidato i percettori del Reddito all’iniziazione nel mondo del lavoro. Queste figure nella nostra Regione lavorano da poco più di due mesi, ovvero da quando è iniziato e si è concluso il lockdown, in pratica. Intanto però, i percettori di reddito avrebbero dovuto essere inseriti nei Progetti Utili alla collettività ma per adesso molti Comuni risultano “non pervenuti”. E’ inaccettabile”.

- Advertisement -

L’appello di Panico è rivolto ai Comuni e agli ambiti territoriali dell’Agro: “L’attivazione dei Puc sarebbe importantissima e tra l’altro, è un dovere dei Comuni. Sarebbe una boccata di ossigeno importante per le nostre macchine pubbliche e anche un rientro importante per le casse dello Stato. Basti pensare che le famiglie beneficiarie nell’Agro sono molte: la città di Scafati dispone di circa 1500 beneficiari, Angri invece 760, Corbara 50 circa e Sant’Egidio del Monte Albino, circa 200. A Sarno invece, 880 beneficiari circa, San Marzano sul Sarno 230 circa, a Pagani sono almeno 1060. Invece per Nocera Inferiore sono 1200, Nocera Superiore circa 500, Castel San Giorgio sono 200 e Roccapiemonte ben 170. Si provveda subito a mettere in campo dei progetti per impiegare nelle attività comunali i percettori di reddito”.

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Bimbi al sicuro. Sequestrati 35mila articoli dannosi, 11 denunciati

Ottaviano. Garantire che i prodotti usati a acuola dai bambini siano sicuri, con questo scopo i Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Anziana derubata dalla badante. I preziosi ritrovati nel frigo

PORTICI. I carabinieri della Stazione di Portici hanno denunciato per furto aggravato una 41enne di origine romena. La donna badante di una 85enne, solo...

Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” a S.Vitaliano

SAN VITALIANO. Nell’auditorium di San Vitaliano (NA) si svolgerà sabato 26 Settembre 2020, a partire dalle ore 18:00, la settima edizione del prestigioso Premio...

Saviano. Covid, focolaio alla Casa di Riposo. L’intervento dell’Asl

SAVIANO. A seguito del ricovero presso l’ospedale di Nola di un’ospite per un sospetto attacco ischemico transitorio (tia), avvenuto lo scorso 17 settembre 2020,...

S.Anastasia. Crollo alberi al Boschetto, la lettera dei residenti

SANT'ANASTASIA. Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata alla redazione da un residente della zona Boschetto. I cittadini della zona boschetto si sono rivolti varie...
- Advertisment -