lunedì 6 Aprile 2020
Home Attualità Paranze a Somma, distrutta la lapide che ricorda zi Gennaro Albano

Paranze a Somma, distrutta la lapide che ricorda zi Gennaro Albano

SOMMA VESUVIANA. Un atto vandalico sconcertante per chi è devoto alla tradizione e alla Madonna di Castello, a soli due giorni dalla festa, infatti, è stata distrutta la lapide che ricorda zi Gennaro Albano.

Capostipite della Paranza D’Ognundo, una lastra in pietra lavica che riportava una sua immagine e che si trova in località Novesca a Rione Trieste, poco distante dalla cappella dove sabato sono in programma i festeggiamenti organizzati proprio dalla paranza come segno di devozione per la Madonna di Castello in occasione del Sabato dei Fuochi.

lapide distrutta
lapide distrutta

- Advertisement -
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Bonus spesa. L’appello del sindaco di Ottaviano «Non ne approfittate, c’è chi ha fame davvero. No ai furbetti»

Una diretta Facebook con un appello forte e che scuote i cittadini di Ottaviano «Vi prego non approfittate dei bonus spesa, c'è chi davvero...

Torre Annunziata. La domenica alla mensa dei poveri: 140 in fila per un pasto

Trascorrono tutte le mattine nella cucina della mensa don Pietro Ottena di Torre Annunziata. Un piccolo buco alle spalle della chiesa del Santo Spirito....

Covid19. Pasticceria e prodotti dolciari, De Luca: “Sospese le attività”

COVID-19, chiarimento sulle attività di pasticceria. Stop ai lavori di pasticceria e affini. Chi sperava in una Pasqua "quasi" normale almeno in ambito culinario si...

S.Giorgio. Opposizione: “Offriamo consigli e suggerimenti”

SAN GIORGIO A CREMANO. Riceviamo e pubblichiamo nota stampa dell'opposizione sangiorgese. Non e’ il momento delle bandiere e tantomeno delle polemiche. Il governo ha trasferito...

Lutto a S.Anastasia, l’ultimo saluto sui social per Franchetiello

SANT'ANASTASIA. Lutto, non potendo andare al suo funerale per le norme anticovid, i cittadini salutano sui social Franco Di Pascale, per tutti conosciuto come...
- Advertisment -