sabato 1 Ottobre 2022
HomePoliticaParco Nicholas Green, FI: E' pericoloso, il Pd strumentalizza

Parco Nicholas Green, FI: E’ pericoloso, il Pd strumentalizza

POMIGLIANO D’ARCO. Il parco «Nicholas Green» è pericoloso, Forza Italia dice no alle strumentalizzazioni del Pd.

Il circolo locale di Forza Italia respinge le accuse mosse dai Democrat, in particolare dal consigliere dell’opposizione Eduardo Riccio e dal segretario della locale sezione del Pd, Michele Tufano, a seguito dell’ordinanza sindacale che, di fatto, ha vietato l’accesso al parco pubblico “Nicholas Green” per la pubblica incolumità. Nelle scorse settimane, inoltre, vi era stata una iniziativa dell’associazione locale “Brigata Felice Sodano”, che intendeva intervenire con i suoi volontari per ripulire il parco e restituirlo alla città. Operazione, tra l’altro, che proprio lo scorso sabato aveva trovato l’appoggio dei residenti locali della ex 219: questi infatti volevano occupare il parco violando l’ordinanza sindacale. Insomma un braccio di ferro tra i due maggiori partiti politici della città che ancora non si ferma.

“Nonostante le elucubrazioni oniriche del consigliere Eduardo Riccio (che nei giorni scorsi aveva dichiarato “illegittima” l’ordinanza di chiusura per motivi di sicurezza pubblica, emessa dal sindaco Lello Russo il 28 marzo scorso, ndr.), oggi di reale resta un sopralluogo effettuato da personale dell’ufficio tecnico comunale, redatto da un dipendente al di sopra di ogni sospetto e dai Vigili del Fuoco del distretto di Nola che di fatto hanno dichiarato rischioso il parco pubblico «Nicholas Green» non solo per le problematiche connesse al serbatoio, ma per la pericolosità del parco stesso che non adempie nemmeno ai più elementari criteri di sicurezza”, si legge nella nota di Forza Italia.

“L’Amministrazione comunale di Pomigliano d’Arco, dopo aver risolto i numerosi guasti prodotti da chi l’ha preceduta – principalmente dal consigliere Riccio che era uno dei più importanti rappresentanti del “cerchio magico” del capo – sta provvedendo alla riqualificazione dei parchi e  a portare i servizi essenziali nelle numerose periferie abbandonate. Successivamente sarà sottoposto a bonifica totale anche il Parco  «Nicholas Green» seguendo un criterio programmazione e non le ubie di un capo indiscusso e mai contrastato i cui ultimi atteggiamenti ci fanno dubitare della sua stabilità di giudizio”.

“Le politiche messe in atto da questa amministrazione per la riqualificazione dei parchi parlano da se – aggiunge Mattia de Cicco, coordinatore di Forza Italia Pomigliano e consigliere comunale, in merito ancora alle dichiarazioni del segretario del Partito Democratico sul Parco – sono già stati recuperati e riconsegnati ai cittadini il parco delle acque e i giardini d’infanzia, e lo stesso parco Giovanni Paolo II di cui parla il giovane (e forse troppo plagiato) segretario del Partito Democratico sarà presto riconsegnato alla cittadinanza sotto una nuova veste.
Purtroppo la giovane età e poca conoscenza delle amministrazioni di sinistra precedenti alla nostra non hanno aiutato la capacità di analisi del giovane militante; la villa comunale consegnata in ottimo stato alla fine degli anni 90 ha subito un lento e progressivo deterioramento che ha dimostrato come la cura del territorio fosse l’ultimo dei problemi della sinistra Pomiglianese. In pochi anni hanno distrutto l’originale sistema elettrico e delle vetrate originarie (che stiamo provvedendo a sostituire) in pochissime si erano salvate.
La nostra preoccupazione è sulla sicurezza dei cittadini; avessimo a cuore solo le elezioni avremmo riaperto velocemente il parco in malo modo, come fatto dalle loro vecchie amministrazioni.”

“Noi crediamo che un’opera pubblica debba avere due requisiti essenziali – conclude de Cicco -una piena vivibilità per i cittadini ed un basso costo di gestione, così da renderlo duraturo nel tempo. Quello che vogliamo fare con il parco Nicholas Green è proprio questo, abbiamo intenzione di recuperare il parco ragionando su come renderlo il più duraturo possibile e sicuro per i cittadini”.

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti