domenica 29 Gennaio 2023
HomeCronacaPeculato con le marche da bollo, la Finanza arresta cancelliere della Procura...

Peculato con le marche da bollo, la Finanza arresta cancelliere della Procura Napoli Nord

AVERSA. Questa mattina, a seguito di un’articolata attività investigativa diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, delegata alla sezione di Polizia Giudiziaria G.d.F. in sede ed alla Compagnia Pronto Impiego G.d.F. di Aversa, è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, nei confronti di A. C., cancelliere in servizio presso la Procura della Repubblica di Napoli Nord, nonché un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca della somma complessiva di 92 mila euro circa di somme liquide e 47 mila euro di buoni postali.
“I provvedimenti di cautela personale e reale, emessi dal G.LP. del Tribunale di Napoli Nord, riguardano più ipotesi di peculato”, spiega in una nota il procuratore Maria Antonietta Troncone, “le investigazioni hanno accertato che il cancelliere addetto al’Ufficio TIAP applicativo destinato al trattamento informatizzato degli affari penali – di questa Procura si appropriava di beni, dei quali aveva la disponibilità per ragione del suo ufficio. In particolare, si appropriava sia delle marche da bollo, consegnate dagli avvocati a titolo di “diritti di copia”- che non apponeva, o apponeva le ristaccava oppure non le annullava sia delle somme di denaro che i legali versavano, a titolo di corrispettivo delle predette marche che l’indagato rivendeva. I militari hanno quantificato in circa 6.500 euro mensili le somme indebitamente sottratte. II GIP sede ha, altresì, emesso decreto di sequestro preventivo, rilevando sproporzione patrimoniale
tra i beni accumulati ed il reddito lecito dell’indagato. All’esecuzione della misura, conseguiranno le determinazioni disciplinari dovute e l’assunzione dei provvedimenti organizzativi necessari per il corretto funzionamento del servizio”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti