domenica 29 Gennaio 2023
HomeNewsPendolari circumvesuviana contro Regione ed Eav: “Basta prenderci in giro”

Pendolari circumvesuviana contro Regione ed Eav: “Basta prenderci in giro”

Queste le parole di Enzo Ciniglio portavoce del gruppo Facebook che conta migliaia di adesioni tra studenti e pendolari “No al taglio dei treni della Circumvesuviana” :

“La situazione della nostra amata ferrovia è davvero drammatica, ogni giorno una nuova disavventura, comunicati, annunci e poi smentite.La farsa dei bus sostitutivi cancellati perché troppo lenti senza ripristinare i treni soppressi è davvero troppo. Se per molti di noi non fosse un dramma vivere questa condizione di precarietà permanente, potrebbe anche divertirci questa farsa, recite continue e cambi di copioni improvvisati come nella miglior tradizione popolare del teatro di ‘Onna Peppa.

Invece a noi dannati pendolari vesuviani , una ferrovia efficiente serve come il pane,  ogni disservizio, cambiamento di programma, soppressione ci costa tagli di stipendi, appuntamenti di lavoro rinviati, lezioni mancate, esami rinviati, abbracci rinviati.

Sono anni che questa realtà segna le nostre giornate, anni di autoassoluzione da parte di Regione e vertici Eav, condite da numeri e promesse.

Siamo stanchi, sfiancati da questi attentati continui alla nostra dignità, stanchi dalla presa in giro perenne, stufi di sentire frasi trite e ritrite.

Dopo gli ultimi avvenimenti anche la politica romana è tornata a interessarsi della Circumvesuviana, l’ha fatto forse anche per cavalcare l’onda della protesta ma certo le varie iniziative qualcosa muoveranno, muovere,  non basta  certo la replica del presidente della commissione regionale trasporti per placare la cosa anche perché le criticità e le accuse mosse non possono essere liquidate come demagogia spicciola.

Non ultima quella sul tema della sicurezza , dove la stessa agenzia si è già espressa chiedendo  delle migliorie su i treni e sull’infrastruttura e in attesa  ha imposto la velocità di marcia ridotta e il doppio agente in cabina.

Chi ha la responsabilità di Eav e delle linee della Circumvesuviana non può spostare sempre le responsabilità su chi c’era prima, la burocrazia, il Covid, la guerra, il caro energia, i sindacati o altro, abbia l’umiltà almeno una volta di dire: scusate abbiamo sbagliato.

Noi viaggiatori siamo un tribunale clemente ma non ci piace essere presi in giro, essere oggetti di scelte  discriminatorie, vedere sacrificato il nostro diritto alla mobilità per scelte aziendali e regionali miope, lontane dai bisogni dei viaggiatori, come l’ultima farsa, la Circumvesuviana a Natale e Capodanno,  uno spot buono per i media,  un’offesa per tutti i viaggiatori che quotidianamente vivono i disagi dei disservizi offerti.

L’azienda con un’azione discriminatoria senza senso e con un aggravio di costi di gestione in un momento non florido per le casse di EAV terrà aperta fino alle 21 solo la linea di Sorrento  per garantire poche corse in più e trasportare nella migliore delle ipotesi  poche decine di persone, mentre   da anni non trova una soluzione per rendere migliore il servizio a migliaia di pendolari e abbonati”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti