martedì 27 Settembre 2022
HomeAppuntamentiPisa, 67esima Regata Storica: l’equipaggio di Amalfi giunge terzo dietro Genova e...

Pisa, 67esima Regata Storica: l’equipaggio di Amalfi giunge terzo dietro Genova e Venezia

«A prescindere dal risultato è la passione il fattore decisivo che accompagna Amalfi nella sfida delle antiche Repubbliche Marinare». Sono stati i vogatori della Genova i vincitori della 67esima edizione della Regata Storica svoltasi a Pisa in una cornice di festa.

L’equipaggio di Amalfi, guidato dal timoniere Vincenzo di Palma e allenato da Antonio La Padula ha difeso strenuamente i colori azzurri giungendo però terzo al traguardo dopo un testa a testa finale con Pisa, che ha tagliato per ultima il traguardo. A Luigi Lucibello (capovoga), Luca Parlato, Aniello Sabbatino, Giovanni Ruocco, Andrea Maestrale, Mario Paonessa, Alberto Bellogrado e Luigi Proto (riserve Antonio Zaffiro e Gabriele Amato) va il ringraziamento dell’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Daniele Milano, e dell’intera Città per aver dato il massimo nella competizione svoltasi questo pomeriggio sull’Arno.

«A prescindere dal risultato è la passione il fattore decisivo che accompagna Amalfi nella sfida delle antiche Repubbliche Marinare – ha detto il sindaco di Amalfi, Daniele Milano – Per noi la regata è una grande festa di sport e di amicizia. Si vince e non si vince. Noi tifiamo Amalfi soprattutto quando non vinciamo. Lo abbiamo detto prima della gara, il nostro equipaggio ci ha regalato una gioia immensa a giugno la più grande possibile che è la vittoria in casa per la 66esima edizione. Ho la certezza che hanno dato tutto e questo per noi è motivo di orgoglio. Grazie ragazzi e forza Amalfi Questa di oggi possiamo considerarla la prima tappa di avvicinamento che si terrà a Venezia per la 68esima sfida. Complimenti a Genova che con una squadra molto giovane si è aggiudicata il trofeo in palio».

«A bordo abbiamo percepito una grande sofferenza – ha rivelato a fine gara il capovoga di Amalfi, Luigi Lucibello – Tante sono state le difficoltà per la preparazione atletica: essendo Amalfi una località turistica, molti di noi lavorano ed hanno avuto problemi ad allenarsi. Risultati come quello di oggi però aiutano a crescere. Venivamo dalla grande vittoria del 5 giugno frutto di una grande preparazione atletica e del sostegno di un grande popolo. Alcuni dei fattori che ci hanno portato alla vittoria. Il tifo di casa ha una marcia in più, gli amalfitani hanno una marcia in più».

In mattinata presso il Museo delle Antiche Navi di Pisa si è svolto il Comitato Generale delle Repubbliche Marinare nel corso del quale i rappresentanti delle quattro città hanno gettato le basi per ufficializzare la stipula di un protocollo di intesa che servirà a cementare ancora di più il legame e la cooperazione tra Amalfi, Genova, Pisa e Venezia. «Nel corso della riunione del Comitato generale abbiamo ribadito la volontà di lavorare sul tema delle Repubbliche Marinare durante tutto il corso dell’anno – spiega poi il sindaco di Amalfi, Daniele Milano – È una volontà precisa dei rappresentanti delle quattro città e credo che entro la fine dell’anno stipuleremo un protocollo d’intesa approvato dalle giunte municipali dei 4 comuni con cui rafforzare il legame e far sì che che si parli di Repubbliche Marinare durante tutto il corso dell’anno. La regata dovrà essere in soma il momento d’apice conclusivo di un percorso che ci vede affratellati durante tutto il corso dell’anno». (Ufficio Stampa Comune di Amalfi: Mario Amodio/Barbara Landi).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti