domenica 17 Ottobre 2021
HomeAttualitàPlastica sulle spiagge, parte la "sfida" alla raccolta

Plastica sulle spiagge, parte la “sfida” alla raccolta

Ambiente, una nostra lettrice Virginia Cianiello ci manda una “social challenge” #VediamoChiLaFaPiùGrossa. La giovane ha deciso di “sfidare” altre persone per la raccolta dei rifiuti in plastica abbandonati sulle spiagge. La redazione de La ProvinciaOnline, “sposa” l’iniziativa.

“Sono sempre stata sensibile alle tematiche ambientali, un po’ per educazione familiare, un po’ per “predisposizione personale”. Anche come argomento della mia tesi di laurea ho scelto una tematica legata all’ambiente. I mesi di ricerca mi hanno calata in uno scenario orribile, fatto di camorra, cancro e corruzione. Intervenire su alcuni meccanismi marci è molto difficile ma non impossibile e su questo continuo ancora a sperare. Cambiare il nostro modo di vivere con un approccio più sensibile, però, è sicuramente una scelta che abbiamo ormai tutti il dovere ma soprattutto la possibilità di fare. Sabato scorso ho fatto un esperimento: ho voluto calcolare quanto tempo avrei impiegato a riempire una busta con frammenti e oggetti di plastica trovati in spiaggia. Risultato? Venti minuti. La cosa mi ha fatto riflettere. Quante persone vanno al mare ogni giorno durante la stagione estiva?
Quale sarebbe il contributo che tutti potremmo apportare alla collettività se ogni volta che ci rechiamo in spiaggia spendessimo solo venti minuti nella raccolta? Piccolo se fatto da soli, enorme se fatto tutti insieme. Nei giorni a seguire ho continuato a pensarci, non potevo ignorare questo pensiero, così mi è venuto in mente di lanciare una sfida:
#VediamoChiLaFaPiùGrossa. Eh no, non parlo di una stupidaggine, ormai quella l’abbiamo fatta (e bella grossa). Intendo riempire grosse buste di rifiuti. Ah dimenticavo, in palio non c’è niente, solo il futuro del nostro pianeta.”

Il link

http://https://www.facebook.com/1435729317/posts/10219851717310109?s=1435729317&sfns=mo

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti