lunedì 8 Marzo 2021
Home Politica Pollena. Scuola digitale, arrivano i tablet per fare lezione

Pollena. Scuola digitale, arrivano i tablet per fare lezione

POLLENA TROCCHIA. Rivoluzione digitale tra i banchi di scuola, arrivano i tablet per fare lezione. E la lezione numero “zero” l’hanno fatta le mamme e i papà.

Nei giorni scorsi, infatti, ai genitori degli alunni delle classi prime della scuola secondaria di primo grado sono stati  illustrati, dal sindaco, Francesco Pinto, l’assessore alla Pubblica istruzione, Margherita Romano e la dirigente dell’istituto “Donizetti”, Angela Rosauro, i benefici che verranno dall’attuazione del progetto “Scuola Digitale”. Frutto, quest’ultimo di un Protocollo d’Intesa tra il Comune e l’istituto comprensivo “Gaetano Donizetti”. Nel corso dell’incontro-lezione ai genitori degli studenti è stata fornita una dimostrazione pratica dell’utilizzo dei dispositivi digitali: “L’arrivo dei tablet, assieme all’utilizzo delle “lim”, le lavagne digitali, dà il via alle lezioni in chiave interattiva – spiega l’assessore Romano – che, nella pratica, imprimono all’attività didattica una svolta innovativa che rappresenta un traguardo storico per la città”.

Il tablet non più tenuto nascosto e spento in cartella nell’attesa della pausa ma ufficialmente sul banco per imparare, fare ricerche e svolgere il programma istituzionale scolastico. Insomma si studia e lo si farà con uno strumento di alta gamma tecnologica tra i più apprezzati proprio dai ragazzi. “E’ un momento importantissimo per i nostri ragazzi – prosegue Romano – che segna la proiezione della scuola del nostro territorio verso il futuro digitale. L’iniziativa – conclude – abbatterà del 50% i costi dovuti alla fornitura di materiale didattico a carico delle famiglie”. Scuola digitale per stare al passo con l’Europa: “Libri on line ai quali sono collegati contenuti interattivi – dice il sindaco -la didattica multimediale è il presente e il futuro, vista la dimensione globale che viviamo”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti