domenica 5 Aprile 2020
Home Attualità Pomigliano. Apprensione per Serena, si cerca donatore di midollo osseo

Pomigliano. Apprensione per Serena, si cerca donatore di midollo osseo

POMIGLIANO D’ARCO. Ore di apprensione per la giovanissima 17enne affetta da una rara patologia. La ragazza è ricoverata al Bambino Gesù dui Roma e in attesa di un trapianto di midollo osseo. Parte la mobilitazione per trovare il donatore compatibile.

Un post che ha scioccato l’intera comunità pomiglianese quello apparso sul gruppo facebook Pomigliano Indignata, dove si è appresa la critica situazione di una 17enne, alunna del liceo “Vittorio Imbriani” affetta da anemia Aplastica, comunemente conosciuta come Aplasia Midollare, una rarissima malattia. Serena risulta attualmente ricoverata al Bambino Gesù di Roma nel reparto di onco-ematologia guidato dal primario Franco Locatelli.  Un gesto di grande solidarietà, è quello che viene richiesto a tutti i giovani dai 18 ai 35 anni, per aiutare la 17enne in attesa di trapianto di midollo osseo. Infatti si cerca un donatore compreso nella fascia d’età indicata. Purtroppo apprendiamo che i suoi familiari si sono già sottoposti ai primi accertamenti, ma nessuno di loro è risultato compatibile. Chiunque voglia aiutare la giovane 17enne, può recarsi al II Policlinico di Napoli (081/7462531), al centro trasfusionale del Policlinico Vecchio (081/5665064/78) o al centro trasfusionale dell’Azienda ospedaliera Cardarelli (081/7472492).

- Advertisement -

Di seguito riportiamo il post apparso sulla Pagina Facebook “Pomigliano Indignata”

“Serena Piccolo ha 17 anni e frequenta il 5° liceo scientifico “Vittorio Imbriani” di Pomigliano d’Arco. Circa un mese fa non si è sentita bene. Pronto soccorso al Cardarelli e dopo qualche giorno è arrivata la diagnosi di Anemia Aplastica altrimenti conosciuta come Aplasia Midollare, una malattia rara di cui si contano in media 2 casi ogni milione di persone. Ora è in cura a Roma, al Bambino Gesù dal Prof. Franco Locatelli. I famigliari hanno gia’ fatto i prelievi per l’eventuale compatibilità midollare, ma purtroppo i risultati sono negativi, quindi è in attesa di un midollo compatibile da donatore esterno che le permetta di essere operata e tornare ad una vita sana e normale. I genitori chiedono a tutti un gesto d’amore e di solidarietà per aiutare e salvare Serena e tanti altri giovani che ne hanno bisogno, iscrivendosi alla “banca dei donatori di midollo”. Lo possono fare tutti i giovani dai 18 ai 35 anni e la tipizzazione midollare (tramite tampone salivare o prelievo di sangue) per entrare a far parte della banca dati mondiale è veramente veloce. Ci si può rivolgere a vari ospedali di Napoli : al Policlinico, padiglione 9 (telefono 081/7462531) o al Centro trasfusionale del Policlinico Vecchio (telefono 081/5665064/78) o al Centro trasfusionale dell’Azienda ospedaliera Cardarelli (telefono 081/7472492).”

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Ai bimbi della 2A la maestra Felicia Bifulco manda a casa i regalini di Pasqua FOTO

SOMMA VESUVIANA. La loro maestra non voleva che gli mancassero i regalini di Pasqua da donare ai genitori e allora è partita una "macchina"...

Covid. Morto responsabile sicurezza, Conte: “Ricorderò sua dedizione”

ROMA. Coronavirus, morto il responsabile della sicurezza del premier Giuseppe Conte: Giorgio Guastamacchia, sostituto commissario della polizia di Stato. Il cordoglio del presidente del Consiglio...

Covid 19. La Farmacia Nocerino dona un monitor multiparametrico all’ospedale

NOLA. Un gesto generoso ed utile, quello dei farmacisti Andrea e Maria Nocerino che hanno donato un monitor multiparametrico al reparto Covid 19 dell'ospedale...

Coronavirus. Il sindaco: “Multe a chi si sposta per comprare meno di 5 prodotti”

SOMMA VESUVIANA. I contagi da Covid 19 aumentano a Somma Vesuviana aumentano, siamo arrivati a 19 casi, così il sindaco Salvatore Di Sarno cerca...

Roccarainola. Sequestrata fabbrica di mascherine non a norma, denunciato titolare VIDEO

ROCCARAINOLA. 1200 mascherine già assemblate e pronte ad essere immesse sul mercato, nonché ulteriori 350 in fase di lavorazione prodotte senza rispettare le norme,...
- Advertisment -