lunedì 26 Settembre 2022
HomePoliticaPomigliano. Progetto di adozione di un cane nelle scuole, inizia Duchessa

Pomigliano. Progetto di adozione di un cane nelle scuole, inizia Duchessa

POMIGLIANO D’ARCO. La trovatella «Duchessa» protagonista del progetto pilota che promuove l’adozione di un cane nelle scuole della città.

Si chiama Duchessa ed è una meticcia di sei mesi. Lei è la protagonista del progetto pilota che sta muovendo i primi passi nella scuola d’infanzia «Duchessa d’Aosta» di Pomigliano d’Arco. Si tratta di un primo step del programma – sostenuto dal Comune di Pomigliano e dall’assessore Mariagrazia Tartari (Ambiente, Città Intelligente, Decoro Urbano e Parchi) – con l’ausilio della fondazione Pomigliano Infanzia della quale la scuola Duchessa d’Aosta fa parte. Accanto a Duchessa c’è l’istruttore Savio Di Dato – sempre affiancato da un medico veterinario – che si sta occupando dell’integrazione tra il cucciolo e la sua nuova famiglia composta dai bambini, dagli insegnanti e dal personale scolastico, è stato lui a valutare caratteristiche e aspetti comportamentali dei trovatelli candidati, fino a scegliere Duchessa.
Un progetto pilota appunto che si estenderà nella scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado del Comune di Pomigliano d’Arco. L’idea è insegnare ai piccoli studenti come prendersi cura del proprio cane e accudirlo nel rispetto degli altri e dell’ambiente. «Insegnare per esempio – spiega l’assessore Tartari, medico veterinario e docente tutor alla facoltà di Medicina Veterinaria – che avere un cane non può essere un capriccio e che prendersi cura di un essere vivente significa anche occuparsi delle sue esigenze, non abbandonarlo al primo ostacolo. Duchessa è una trovatella, è nata in strada: ecco, è diventata un cane splendido e socievole».
Per ora Duchessa si sta ambientando in quella che sarà la sua nuova casa, con l’aiuto di Savio Di Dato che se ne prende cura. Presto, una volta acquisite le adesioni di tutte le famiglie dei bambini, potranno iniziare le attività previste: lezioni teoriche e pratiche, giochi, insegnamenti sulla cura degli animali che sono, in fondo, insegnamenti di vita. Sono sotto «osservazione» anche altre due cucciole trovatelle, entrambe femmine: si chiameranno Andreina e Genny, in onore delle altre due scuole della fondazione Pomigliano Infanzia nelle quali saranno accolte: la «Andreina Caiazzo» e la «Gennaro Donato Guadagni».
«Siamo molto fieri di questo progetto – dice l’assessore Tartari – Duchessa è uno splendido cucciolo scelto per le attitudini sociali, adatto a stare tra i bambini, speriamo di fare da apripista per altri comuni». Per ora il cucciolo è stato accolto benissimo alla Duchessa d’Aosta e «presentata» nelle altre due scuole della fondazione mentre si raccolgono le adesioni dei genitori. Uno degli obiettivi del progetto è incentivare le adozioni. «Ricordando che la scelta di un cane è per la vita – aggiunge l’assessore Tartari – e che non è necessario acquistare un esemplare di razza pura, anzi. Ci sono tanti trovatelli che attendono solo una famiglia, Duchessa è stata fortunata, ma allo stesso tempo i bambini e la scuola dalla quale ha preso il nome lo sono molto di più».
«Siamo molto contenti del progetto pilota– spiega l’assessore alle fondazioni e partecipate, Pasquale Sanseverino – l’assessore Tartari ha interpretato alla perfezione la volontà di tutta la giunta comunale e lo spirito della fondazione Pomigliano Infanzia: educare le nuove generazioni all’integrazione, al rispetto delle creature viventi e dell’ambiente, responsabilizzando al contempo i bambini, si può dire già un ottimo risultato».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti