venerdì 2 Dicembre 2022
HomePoliticaPomigliano, Saiello: “Il M5S non è mai andato via, continuiamo a lavorare...

Pomigliano, Saiello: “Il M5S non è mai andato via, continuiamo a lavorare per dare risposte concrete alla Città”

Pomigliano. Nessun comunicato fake, nessuna sporadica apparizione. Il cuore del M5S Pomigliano continua a battere grazie a storici attivisti e nuove leve, quel cuore che mai si è fermato nonostante la scissione con Luigi Di Maio. La separazione con quello che era il punto di riferimento, il figlio pomiglianese che portava l’intera Città direttamente al Governo è stata certamente “traumatica” ma non ha decretato la fine di quei valori appartenenti alla base grillina che rilancia e si riorganizza. Anche la decisione dei consiglieri comunali, ex M5S, di seguire Di Maio non ha scalfito la volontà di portare avanti il progetto politico del Movimento nella città delle fabbriche. D’altronde le elezioni politiche del 25 settembre hanno, ancora una volta, premiato il M5S come primo partito della città con il 35,88% dei voti a dispetto del 6,93% di Impegno Civico di Di Maio.

“Il “nostro” Movimento non si è mai dissolto, siamo sempre qui e ci prepariamo per dare risposte concrete a quelli che sono i problemi e le esigenze di Pomigliano” – afferma con orgoglio un gruppo di attivisti storici. In tal senso, una conferma arriva anche dal consigliere regionale della Campania Gennaro Saiello.

Consigliere Saiello, Pomigliano è da sempre considerata una roccaforte del M5S grazie soprattutto alla presenza di Luigi Di Maio. Dopo la scissione esiste ancora un M5S pomiglianese o come si mormora sui social si tratta solo di “fake”?

Grazie a Giuseppe Conte il M5S si è rinvigorito non soltanto sotto il profilo del consenso ma ancor di più per quanto riguarda l’entusiasmo e la partecipazione a supporto del progetto politico del Movimento. Il risultato ottenuto alle ultime politiche è un chiaro messaggio di affetto profondo che la gente nutre rispetto a Conte e alla credibilità del M5S. Questo risultato ci inorgoglisce ma ci riempie ancor di più di responsabilità ed è per questo che siamo in una fase importante di strutturazione organizzativa territoriale. Tale organizzazione servirà da un lato a rendere più veloce la risposta dei vari livelli istituzionali ai problemi dei cittadini, oltre a impostare un radicamento più strutturato sui territori. Io sono di Marigliano e conosco benissimo la città di Pomigliano dove la base storica, gli attivisti storici del Movimento, sono sempre stati presenti e non hanno mai smesso di credere nel progetto della nostra forza politica e questo ha fatto si che tanti altri si avvicinassero a noi. Gli attivisti storici insieme a tante altre persone continuano ad incontrarsi, ad organizzarsi e a discutere di temi di interesse sociale riguardanti la città di Pomigliano. Penso ad esempio ai problemi ambientali, a quelli legati alla viabilità, a quelli legati allo sviluppo locale, a quelli che riguardano l’efficientamento dei servizi che il Comune di Pomigliano deve garantire ai cittadini. Dunque il confronto e la presenza, nonostante la scissione, non sono mai mancati. Anzi, tutto questo permette anche di iniziare a formare una sorta di programma, di iniziative e di sviluppo di proposte da portare a livello comunale, anche per “pungolare” l’attuale amministrazione. Ricordo che ad oggi noi non abbiamo più alcun tipo di rappresentanza nel consiglio comunale, il M5S nel consiglio comunale non c’è! Sul territorio invece stiamo lavorando sui problemi specifici della città. Ora che è stato definito e pubblicato il regolamento che disciplina la creazione dei gruppi locali sui vari territori saremo ancora più forti e strutturati. Ovviamente noi portavoce alla Regione e in Parlamento siamo sempre a disposizione del territorio”.

M5S Pomigliano, nuova vita dopo la rottura con Di Maio: “Siamo sempre qui, presenti, per la nostra Pomigliano”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti