mercoledì 17 Agosto 2022
HomeAppuntamentiPomigliano sempre più 'Plastic Free': convegno al Liceo Imbriani e nuova raccolta...

Pomigliano sempre più ‘Plastic Free’: convegno al Liceo Imbriani e nuova raccolta al Parco delle Acque

Pomigliano. Continua l’opera di sensibilizzazione, teorica e pratica, di Francesco Gallina referente Plastic Free Pomigliano. Il referente dell’associazione ambientalista pomiglianese prenderà parte a un convegno che si terrà alla sede centrale del Liceo Classico-Scientifico “Vittorio Imbriani” il 9 dicembre alle ore 12:00. All’appuntamento interverranno anche il dirigente scolastico Domenico Toscano, il sindaco Gianluca Del Mastro e l’assessore all’Ambiente Mariangela D’Auria.

“Ritorno con piacere al liceo Imbriani dove ho tenuto la prima lezione di sensibilizzazione già lo scorso dicembre – afferma Gallina – A distanza di un anno sono stato invitato nuovamente perchè l’Imbriani vuole diventare una scuola sempre più plastic free e l’istituto vorrebbe regalare una borraccia ad ogni alunno. E’ un bel passo avanti perchè cosi si elimineranno le bottigliette di plastica che, come tutti sapete, hanno un grosso impatto sull’ambiente. Nel corso dell’incontro ricorderò i valori e il focus ben preciso di Plastic Free: combattere l’eccessivo consumo della plastica e del monouso. Evidenzierò, poi, gli obiettivi raggiunti da Plastic Free nel corso di quest’anno, le raccolte e le varie sensibilizzazioni che abbiamo tenuto in altri istituti scolastici. Inoltre ci tengo a dire una cosa: tutti i ragazzi delle scuole in cui ho tenuto le sensibilizzazioni (Imbriani, Isis Europa e IC CAtullo-Salesiane) mi hanno chiesto di fissare un nuovo incontro e la raccolta che si terrà il 12 dicembre alle ore 10:00 al Parco delle Acque sarà soprattutto per loro. Ovviamente devo ringraziare anche gli sponsor che sono intervenuti perchè volevo che tutti i ragazzi avessero la nostra maglietta”.

Perchè la raccolta si terrà nuovamente al Parco delle Acque?

“A questa raccolta parteciperanno soprattutto ragazzi e quella zona è associata al “gioco”. La sensibilizzazione riesce bene quando i ragazzi sono veramente contenti di partecipare e la vivono come un gioco, ma un gioco reale e utile. Poi è un area sicura per i ragazzi perchè non si trovano “materiali pericolosi” e la prima cosa è l’incolumità dei volontari. Poi, alla fine, non siamo mai tornati indietro a mani vuote perchè “purtroppo” riempiamo sempre tantissimi sacchi. Abbiamo un accordo con l’assessore all’ambiente e con il responsabile dell’Enam perchè lasceremo le buste li e poi saranno recuperate in un secondo momento”.

Per iscriversi alla raccolta del 12 dicembre clicca QUI

 

Articoli recenti