lunedì 20 Settembre 2021
HomePoliticaPopolari e Riformisti: "La nostra Opposizione fatta a tutela dei cittadini"

Popolari e Riformisti: “La nostra Opposizione fatta a tutela dei cittadini”

Sant’Anastasia. “Opposizione” secondo il gruppo consiliare Popolari e Riformisti.

All’indomani delle varie polemiche che ci sono state a Sant’Anastasia, il gruppo consiliare Popolari è Riformisti tiene a chiarire la propria posizione sottolineando che la propria azione politica è basata su un’opposizione come si conviene in una moderna democrazia, fondata cioè, su proposte costruttive nonché sul controllo dell’attività amministrativa. Sin da subito il gruppo ha manifestato ampia disponibilità a collaborare, con un unico scopo: quello di agire per l’interesse comune.

Il consigliere Carmine Pone dichiara: <<Il tentativo piuttosto bislacco di farci cambiare impostazione nella dialettica con la Giunta Esposito non troverà riscontro. Lo dico agli avversari, ma anche a quelli che ci baciano con i denti. L’unica opposizione che faremo sarà sui contenuti; lo abbiamo fatto sul bilancio, lo abbiamo fatto sulla caserma dei carabinieri e lo faremo ancora su tutti i temi all’ordine del giorno perché le stimmate della nostra campagna elettorale sono state queste, altri cantavano. Le dispute sul potere le lasciamo agli altri e non ci permetteremo mai di fare valutazioni sui singoli; piuttosto constatiamo che ci sono otto opere pubbliche già finanziate e non c’è ancora un cantiere aperto>>.

Così il consigliere Nicoletta Sannino: «Fin dai miei primi interventi in consiglio comunale ho sottolineato che il mio ruolo di consigliere di opposizione lo avrei svolto con proposte che potessero contribuire alla crescita del nostro paese vigilando sull’operato della maggioranza e non certo su questioni personali che per anni hanno dominato la scena politica senza alcun beneficio per il paese. Chi sostiene che a San Anastasia non esista l’opposizione in consiglio comunale forse non sa che le attribuzioni di responsabilità politica e la semplice demonizzazione dell’avversario politico non costituiscono esercizio del diritto- dovere dell’opposizione! Il ruolo dell’opposizione si sostanzia in un ” esercizio critico e propositivo, in attività di denuncia delle iniziative del governo quando queste sono “contra legem” e non nell’interesse della collettività, in un impegno tendente a migliorare, tramite sollecitazioni anche forti, le attività di governo.
Fare opposizione non significa pubblicare foto o fare slogan sui social ma significa interloquire e sollecitare le dovute azioni da chi ha il dovere istituzionale di porle in essere (assessore competente e uffici competenti). Tutto questo lo faccio quotidianamente, e lo dico senza paura di essere smentita, anche se la mia azione è silente e non accompagnata da inutile propaganda sui social».

<<Al di là delle responsabilità e dei lasciapassare sul simbolo, puntualmente smentito dalla coordinatrice cittadina della Lega, Ezia Raia, siamo tutt’altro che assenti – ha dichiarato Mariano Caserta – anzi, la nostra presenza è tangibile giorno per giorno. Purtroppo quest’amministrazione non è propensa al dialogo, per cui ogni nostra proposta o sollecitazione, cade nel loro dimenticatoio. Ma noi andiamo avanti nonostante la loro miopia e la loro sordità. In più occasioni sono state dimostrate approssimazione e pressapochismo, ma saremo vigili e attenti, come lo siamo sempre stati. La politica concreta si fa con azioni mirate e discusse nelle sedi deputate, non bastano solo “levate di scudi” che hanno il solo merito di gettare fumo negli occhi e che poi finisce sotto al tappeto, noi siamo per una politica costruttiva e soprattutto efficace>>.
Per finire Rosalba Punzo: << Il ruolo di consigliere di opposizione consiste in una collaborazione fattiva e leale per la risoluzione delle problematiche del nostro Paese e quelle dei nostri concittadini! Non serve urlare in Consiglio Comunale come se fosse un ‘arena di combattimento per mettersi in mostra! Devono parlare le nostre azioni che di sicuro non mancheranno>>.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti