giovedì 29 Settembre 2022
HomeComunicati stampaPortici, raid ai danni delle auto in sosta, il Movimento 5 Stelle:...

Portici, raid ai danni delle auto in sosta, il Movimento 5 Stelle: “Telecamere e polizia municipale di notte”

Portici. Al seguito degli ultimi episodi legati alla microcriminalità a Portici, il Movimento 5 Stelle ha inoltrato un nuovo appello indirizzato all’amministrazione comunale con cui si richiede, tra le altre, un turno di notte per la polizia municipale. “Sono anni che il M5S denuncia lo stato di pericolo nella nostra città, soprattutto di notte – l’appello – sono prese di mira le auto in sosta, come accaduto in via Paladino. Le Forze di Polizia dipendono dal Ministero dell’Interno e una sola volante non può essere sufficiente per coprire 2 comuni. Abbiamo sollecitato i nostri parlamentari per avere più forze di polizia che presidiano il territorio”

 

Un appello, quello inoltrato dal Movimento 5 Stelle, finalizzato ad accelerare le procedure – a livello comunale – per rendere Portici una città più sicura di notte: “Occorre un sistema di videosorveglianza che monitori tutto il territorio, abbiamo un corpo della Polizia Municipale efficiente che svolge tante attività. Oltre al servizio di Polizia Stradale, infatti, esercita attività ed interventi per la sicurezza urbana volti a prevenire fenomeni di criminalità diffusa e predatoria – proseguono i consiglieri comunali M5S -. Con il Consiglio Comunale del giorno 08/04/2021, all’unanimità. Si è votato il nuovo regolamento del Corpo di Polizia Municipale: gli orari di lavoro possono essere organizzati su 3 turni compreso quello notturno, e nell’ultimo caso in via provvisoria ed eccezionale per contingenti necessità. Siccome i furti e gli atti vandalici avvengono generalmente di notte, perché non organizzare un periodo di monitoraggio sul territorio 24 su 24? Sicuramente il passaggio continuo di volanti sul territorio (anche nelle ore notturne) sarebbe un deterrente per i ladri e i vandali, di conseguenza la città sarebbe più controllata e sicura”.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti