mercoledì 16 Giugno 2021
HomeAttualitàPremio Amato Lamberti, ecco i vincitori VIII edizione

Premio Amato Lamberti, ecco i vincitori VIII edizione

I vincitori dell’Ottava edizione del Premio Nazionale ‘Amato Lamberti’ 2021, sono Ciro Dovizio e Federico Esposito per le tesi in Dottorato, Gaia Donati e Paolo Intoccia ex aequo per le tesi di Laurea Magistrale.

I riconoscimenti, quattro borse di studio da 1.000 euro ciascuno, hanno voluto premiare lavori imperniati sui temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, dei reati ambientali, della corruzione e delle economie illegali, delle vittime delle mafie e delle violenze.

Il conferimento del Premio è stato deliberato dalla Commissione Scientifica, dal Presidente dell’Associazione Amato Lamberti, Roselena Glielmo, dal Presidente del Premio Nino Daniele e dal Presidente onorario Franco Roberti, già Procuratore Nazionale Antimafia.

Ciro Dovizio, dell’Università di Milano ha prodotto un interessante lavoro con la tesi in Dottorato: “Scrivere di mafia. L’Ora di Palermo tra politica, cultura e istituzioni (1954-75)”. Per l’altro dottorato, il riconoscimento è andato a Federico Esposito, studente dell’Università Federico II di Napoli, dove collabora con il Lirmac, per la tesi in Dottorato: “Clan, politica, discorso pubblico. La costruzione sociale della camorra a Pagani”. Per la tesi di Laurea Magistrale, riconoscimento ex aequo, a Gaia Donati, studentessa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano per il lavoro: “La deriva populista. Profili penalistici, criminologici e politico-criminali”. Infine, premio per l’altro ex aequo per la tesi di Laurea Magistrale, a Paolo Intoccia, studente dell’Università degli Studi di Milano con la tesi dal titolo: “Il processo Andreotti: il confine labile fra la partecipazione e il concorso esterno nei delitti associativi”

La premiazione avverrà mercoledì 23 giugno alle ore 11 presso la Sala dei Baroni del Maschio Angioino di Napoli.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti