sabato 28 Maggio 2022
HomeAttualitàUn premio di poesia per ricordare Melania Rea

Un premio di poesia per ricordare Melania Rea

SOMMA VESUVIANA. Un premio nazionale di poesia per mantenere vivo il ricordo di Melania Rea e sensibilizzare a reagire contro ogni tipo di violenza cui le donne siano costrette.
Tutto pronto per la seconda edizione ed ora è on line il bando per partecipare al “Memorial Melania Rea” organizzato dalla scrittrice e poetessa Melina Gennuso, con il patrocinio morale del Comune di Somma e l’assessorato alla Cultura e la collaborazione della onlus dedicata a Melania, della F.I.D.A.P.A. di Somma Vesuviana, del “Salotto Letterario” di Torino, “PeRte TimeManagement” di Massa Lombarda (Ravenna) e dell’associazione culturale “Il Confine” di Villa Serraglio (Ravenna). Il bando prevede tre sezioni di concorso, la prima per poesie in lingua italiana a Tema libero, quella in vernacolo d’Italia e infine quella per i lavori già editi. La data di scadenza per presentare i propri elaborati è il 20 giugno prossimo. Un premio per ricordare Melania Rea, la giovane mamma di 29 anni, originaria proprio di Somma che scomparve da Colle San Marco (Ascoli Piceno) il 18 aprile del 2011 mentre si trovava in gita con la figlioletta Vittoria e il marito Salvatore Parolisi e fu ritrovata morta (uccisa con diverse coltellate) due giorni dopo a Ripe di Civitella (Teramo). Il consorte è stato condannato per il delitto ed è in carcere dal luglio del 2011. Ma la famiglia, gli amici, ma anche tanti cittadini non l’hanno dimenticata, per lei è nata un’associazione che si occupa dei diritti delle donne e ora il premio.
“Il giorno in cui l’anno scorso si svolse la prima edizione”, racconta Melina Gennuso, “a Somma Vesuviana pioveva, quasi come se il cielo versasse le sue lacrime senza sosta, tutti i poeti presenti, provenienti da ogni città d’Italia, recitarono i loro brani alla presenza della famiglia di Melania. L’emozione coinvolse tutti e le note sprigionate dal violino di Giampio Notarangelo, componente dei terrAnima gruppo musicale pugliese, crearono un’atmosfera di grande commozione.L’antologia del Premio, prima edizione, dal titolo “Mentre inseguivo la vita…” interamente a colori e di un bellissimo effetto grafico, è il frutto di quel lavoro e in questa si possono leggere le liriche vincitrici e le più belle pervenute al concorso, rimane anch’essa la testimonianza di un evento indimenticabile per chi era presente quel giorno”.Un evento che si ripeterà con ancora maggior passione quest’anno.
Per ulteriori informazioni basta scrivere a concorso_poesia@libero.it mentre il bando completo è in file allegato al seguente articolo.
bando melania rea

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti