lunedì 22 Luglio 2024
HomeAttualitàPrezioso De Giulio, il sacerdote del "sorriso" compie 90 anni e ripercorre...

Prezioso De Giulio, il sacerdote del “sorriso” compie 90 anni e ripercorre la sua vita nella Chiesa

SAVIANO- Il tempo scorre per il corpo, come l’acqua fluisce verso il mare, i pensieri sono nuvole donano linfa al corpo e la vita è una fiamma viva. Così, coi ricordi di Monsignore Prezioso De Giulio, si avverte il tempo, l’acqua, il cielo e il fuoco. Ricordi coi quali vogliamo festeggiare il suo 90° compleanno. Ripercorrendo la vita di un uomo che ha servito la Chiesa col sorriso.
Ordinato sacerdote nel 1953, ha attraversato il tempo nella Curia e gli eventi di metà Novecento.

In che momento della sua infanzia, ha avvertito la vocazione?

Sono tante le circostanze che portano a chiedersi del senso della vita. Sin da piccolo, ho frequentato la parrocchia, spinto dal modello educativo, dei miei genitori. La risposta è misteriosa, poiché il Signore chiama, e ci avverte della sua essenza, anche attraverso giovani sacerdoti, che curano la crescita dei chierichetti, ero affascinato dalle funzioni, in chiesa avvertivo l’ Amore, verso il prossimo.”

Come si è svolta la sua formazione?

” Con il tempo, espressi il desiderio di entrare in Seminario. Erano gli anni della II Guerra Mondiale, tragici e difficili. Con il beneplacito dei miei, nel 1941 a 11 anni , entrai come seminarista nel plesso della curia di Nola. La vita del seminario era difficile, bisognava seguire una disciplina ferrea, studi attenti , infatti in molti rinunciarono. La paterna guida del padre spirituale mi ha permesso di proseguire gli studi al seminario regionale a Salerno. Ormai ragazzo responsabile seguivo il mio corso.” 

Quali le esperienze sacerdotali?

” A 23 anni fui scelto dal mio vescovo Mons. Adolfo Binni, come segretario, benché avessi chiesto di essere parroco, per stare vicino ai fedeli. In seguito i vescovi susseguiti, conoscendo la mia esperienza mi hanno sempre mantenuto negli uffici della Curia, dove svolgo il ruolo di cancelliere del tribunale ecclesiastico di Nola ed infine il Mons. Umberto Tramma mi nominò Difensore del Vincolo. Durante una controversia in una parrocchia tra fedeli, chiesi il perché?, la risposta fu che avevo il ‘Sorriso Facile’. Inoltre sono Canonico Cattedrale di Nola e Papa Giovanni Paolo II mi nominò Monsignore con il titolo di Cameriere Segreto di Sua Santità.”

Quale oggi la formazione sacerdotale?

Oggi i giovani che si preparano a diventare sacerdoti, sono più aperti a capire le esigenze. Questo perché nei seminari non si fermano soltanto alla formazione, ma vengono educati a condividere i problemi esistenziali. Non sono così duramente legati ai precetti secolari, e vengono inviati nelle parrocchie per formarsi.”

Quali sono i suoi consigli, ai giovani di oggi ?

Ai giovani consiglio di essere in ascolto della voce dello Spirito, non disdegnare la chiamata e diffondere il Verbo. Di avvicinarsi alla vita sacerdotale per aiutare la vita civile. Mentre mi ritrovo novantenne ringrazio il Signore per la scelta di essere suo Ministro.”

Il tempo scorre come acqua e un uomo, osserva il cielo con un sorriso benevolo verso l’umanità.

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Articoli recenti

Rubriche