giovedì 9 Luglio 2020
Home Attualità Pride 2020. Casamarciano "si tinge" dei colori dell'arcobaleno

Pride 2020. Casamarciano “si tinge” dei colori dell’arcobaleno

Casamarciano. Tre pensiline con i colori dell’arcobaleno in tre punti diversi del paese come segno tangibile di comunità inclusiva.

L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale ed arriva in occasione del Pride 2020 che si celebra ogni anno nel mese di giugno. Quest’anno la ricorrenza compie ottanta anni e proprio oggi a Milano si sarebbe dovuta svolgere la tradizionale parata annullata per l’emergenza Covid e rimpiazzata da eventi alternativi e social.

- Advertisement -

Casamarciano si è dunque allineata al programma nazionale. L’idea è stata del consigliere comunale con delega alle start up e all’innovazione Pietro Tortora. Sua infatti la proposta approvata dalla giunta comunale di installare tre pensiline con i richiami dell’arcobaleno lungo il percorso del centro cittadino con la consegna finale della bandiera colorata alla protezione civile.

“Un modo per far sentire la presenza e la voce di un mondo che c’è, che non si nasconde e che gode degli stessi diritti degli altri – spiega il consigliere Pietro Tortora – purtroppo l’emergenza Covid ha stravolto i piani programmatici degli ultimi mesi bloccando, di fatto, anche il Pride 2020. Ma non ha fermato la creatività e la voglia di fare e le tante iniziative virtuali che ne sono venute fuori ne sono una evidente testimonianza. Ringrazio l’amministrazione comunale che subito ha accolto la mia proposta realizzandola nei tempi indicati, rendendo così Casamarciano comunità inclusiva”.

Un progetto che non si ferma all’arredo urbano ma che si arricchisce anche di un messaggio visivo forte ed incisivo. Sul tema è stato infatti ralizzato anche un video con il coinvolgimento volontario di alcuni cittadini del posto, a cominciare dal sindaco Andrea Manzi che – spiega – “spesso sono le ricorrenze come quella del Pride ad accendere i riflettori su argomenti che diamo per scontato ma che di scontato hanno ben poco”.

“Un ulteriore passo in avanti per l’affermazione dei diritti civili che, tengo a precisare, sono di tutti senza alcuna discriminazione o distinzione – aggiunge il sindaco Andrea Manzi – Complimenti al consigliere Pietro Tortora che ha portato, e porta avanti, questo progetto a cui Casamarciano ha aperto le porte con convinzione e partecipazione”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Appello urgente per il tabaccaio ferito: serve sangue. Sindaco: “Doniamo”

SOMMA VESUVIANA. L'uomo in questo momento è in sala operatoria e ha bisogno di molte trasfusioni di sangue, il sindaco Di Sarno: "Andiamo a...

Choc a Somma. Tabaccaio trovato in un lago di sangue

Somma Vesuviana. Un noto tabaccaio di Somma Vesuviana è stato ritrovato questa sera, poco dopo le 20, in una pozza di sangue all'interno del...

Tanti auguri a Giorgia Menna per il suo 1° compleanno

Somma Vesuviana. Un party in cui due sono state le protagoniste: la festeggiata Giorgia Menna e Minnie. A partire dall'abito di Giorgia, ai dolci,...

“Sto costruendo il mio futuro”, intervista all’attrice Monica Russo

MILANO. E' nata a Cercola l'attrice Monica Russo in nomination come miglior attrice al Kosice International Monthly Film Festival. Intervista. Primo film, primo successo e...

I funerali del maresciallo dei carabinieri Apicella domani a Roccarainola

ROCCARAINOLA. I funerali del maresciallo Andrea Angelo Apicella si terranno domani, giovedì 9 luglio alle 10 a Roccarainola in piazza San Giovanni, "Le...
- Advertisment -