sabato 25 Giugno 2022
HomePoliticaPrimarie a Pomigliano. Caiazzo: "Ecco perchè mi sono candidato"

Primarie a Pomigliano. Caiazzo: “Ecco perchè mi sono candidato”

POMIGLIANO D’ARCO. Di seguito pubblichiamo la lettera con cui di Michele Caiazzo, candidato alle primarie di domenica 8 marzo, si presenta agli elettori.

Carissimo/a,
ci perdonerai se la lettura del presente appello prenderà qualche minuto alla tua giornata.
La nostra città vive ormai da troppo tempo una drammatica involuzione sia sul piano socio-economico sia sul piano politico-culturale; da un lato la crisi dell’economia globale, dall’altro l’incapacità delle Amministrazioni locali nel farvi fronte.
Questa lacerante regressione, che coinvolge diversi ambiti della cosa pubblica (dalla corruzione agli sprechi di risorse finanziarie, all’incapacità di garantire la manutenzione ordinaria dei beni comuni, dalla mancanza di ogni minima progettualità sulle politiche sociali, ambientali e del lavoro all’aumento ingiustificato di tasse e tributi, solo per fare qualche esempio), è sotto gli occhi di tutti.
Insomma, oggi c’è tanto, troppo, di questa città che non va, che non ci piace. Tuttavia non dobbiamo e non possiamo reagire a questo stato di cose scegliendo di rassegnarci, di sgombrare il campo, perché il disinteresse giova esclusivamente a chi occupa la Politica per garantire i propri interessi particolari e mai a chi si occupa di Politica per curare gli interessi generali.
Dobbiamo tutti, invece, sforzarci di cambiare ciò che non va. Ma il cambiamento, per definizione, non è mai un fatto individuale: è sempre uno sforzo collettivo, è un Popolo che si rialza e, insieme, decide.
La coalizione del centro sinistra ha deciso di promuovere per domenica 8 Marzo le primarie per la scelta del candidato Sindaco. Abbiamo, dunque, un’occasione ed un’opportunità importante: per la prima volta in questa Città non saranno pochi dirigenti di partito ma (ci auguriamo) molti cittadini a decidere quale debba essere il miglior Sindaco per Pomigliano.
Abbiamo deciso di partecipare anche Noi a questa competizione attraverso la mia candidatura. Dico ‘’Noi’’ perché la mia candidatura a queste primarie non intende essere un fatto individuale, ma il frutto di un ragionamento e di un percorso collettivo, che con impegno, dedizione e passione portiamo avanti da diversi anni.
Questo progetto collettivo, esternalizzato alla Città ed a chi la vivifica in diverse circostanze, consiste nell’affermazione di un nuovo modello di pratica Politica, nuovo nei metodi (come nel caso del positivo esperimento di partecipazione civile e valorizzazione dei beni comuni che è stata la riqualificazione della vecchia stazione della Circumvesuviana e la successiva Festa de L’Unità, a titolo volontario e gratuito) e nuovo nei volti. Da anni ci impegniamo a formare e promuovere una nuova classe dirigente per questa Città.
Ho svolto, con passione e dedizione, il ruolo di Sindaco di Pomigliano dal 1995 al 2005. Al di là delle liturgie pre-elettorali, delle promesse e dei giudizi faziosi sono i fatti a misurare una buona amministrazione.
In quegli anni, anche grazie al duro lavoro e al costante impegno della squadra di donne e uomini che mi ha affiancato, siamo riusciti a dare un volto nuovo a questa Città. Si veniva, allora come oggi, da anni di vuoto politico, di incertezza ma anche di speranza. Ma la Politica e la società seppero rispondere.
Proprio in funzione di una simile riflessione ho deciso di accettare la richiesta, pervenutami da tanti giovani dai militanti e dai cittadini, di rappresentare questo progetto: perché possiamo e dobbiamo crederci ancora; perché questa città ha delle opportunità straordinarie e può e deve tornare la capitale politica, sociale, culturale ed economica dell’area metropolitana; perché serve una sana compenetrazione tra conoscenza della macchina amministrativa ed innovazione ed entusiasmo.
Perché possiamo e dobbiamo tornare avanti.
Tutto ciò è realizzabile solo attraverso un impeto d’orgoglio collettivo: se e solo se la città migliore, quella massa silenziosa di cittadine e cittadini onesti, deciderà di impegnarsi definitivamente per il bene comune e partecipare sarà possibile tornare a cambiare radicalmente questa città.
Questo il senso delle nostre scelte. E’ un periodo, questo, in cui la politica ha dato di sé un’immagine ed un’idea di arroganza, di presunzione: noi non siamo così.
Le primarie hanno senso se si ha il coraggio di mettersi in discussione. Oltre alla nostra ci sono altre due opzioni politiche in campo rappresentate da altri due validi candidati, cui va il mio sincero augurio di una sana e leale competizione.
Dunque il mio appello: il prossimo 8 Marzo partecipa, esprimi il tuo giudizio, sii protagonista.
Quanti più cittadini parteciperanno, tanto migliore sarà la scelta del candidato.
Dunque è questo il tempo per partecipare, per decidere e per dare il proprio contributo. Perché il cambiamento si declina solo al presente.
Michele Caiazzo

Tornare Avanti. Con Michele Sindaco
Guarda:
https://www.facebook.com/video.php?v=623183437812104&set=vb.295709427226175&type=3&theater

Articoli recenti