giovedì 29 Luglio 2021
HomePoliticaPronto soccorso di Sant’Agata dei Goti da salvare, Pedicini (M5S): “Battaglia di...

Pronto soccorso di Sant’Agata dei Goti da salvare, Pedicini (M5S): “Battaglia di civiltà”

Sant’Agata dei Goti. Il Pronto Soccorso di Sant’Agata de’ Goti sembrerebbe salvo. In seguito alle proteste e alle preoccupazioni espresse da associazioni e cittadini, la chiusura del presidio ospedaliero parrebbe scongiurata, dopo un incontro al Ministero dell’Economia col governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca. Nel piano ospedaliero che sarà inviato a Roma la prossima settimana, infatti, è stata ribadita l’istituzione del Pronto Soccorso a Sant’Agata de’ Goti. Il caso era arrivato sui banchi del Parlamento Europeo grazie ad un’interrogazione dell’eurodeputato M5S Piernicola Pedicini. A quest’ultima la Commissione europea ha risposto confermando il pieno sostegno all’accesso “ai servizi sanitari e all’assistenza medica in qualsiasi Stato membro” come ha scritto il commissario alla salute Vytenis Andriukaitis in risposta a Pedicini. “È una battaglia di civiltà – dichiara il coordinatore M5S della Commissione ambiente e sanità a Bruxelles – sarebbe un’ingiustizia perdere un presidio ospedaliero così importante e così strategico in questa parte della provincia di Benevento. Arrivare fino al capoluogo, distante oltre 50 chilometri, da percorrere su una strada tortuosa, trafficata e danneggiata, per un’utenza potenziale di 80mila abitanti, sarebbe potuto risultare fatale per casi particolarmente gravi. La salute resta la cosa più importante da salvaguardare” ha concluso l’europarlamentare Pedicini.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti