lunedì 20 Settembre 2021
HomePoliticaPUC, il sindaco Abete: "No a sterili polemiche, si al dialogo costruttivo"

PUC, il sindaco Abete: “No a sterili polemiche, si al dialogo costruttivo”

SANT’ANASTASIA. PUC, in arrivo il piano comunale. Il Sindaco: no alle sterili polemiche, si al dialogo costruttivo

In arrivo per il 2019 lo strumento urbanistico più importante per lo sviluppo del paese, il Piano Urbanistico Comunale (PUC), il cui iter si concluderà con l’approvazione in Consiglio Comunale. Fermo dal 1995, il nuovo piano regolatore, sarà vitale per lo sviluppo del paese in una visione che, tenendo presente i vari luoghi del Centro Storico ed il loro abbellimento, l’ampliamento, la cura e la riqualificazione dei collegamenti stradali, delle periferie, la nascita di aree dedicate alle piccole e medie imprese, darà senz’altro risposte alle opportunità che il territorio offre per la crescita in chiave moderna ed anche turistica per la presenza del Santuario della Madonna dell’Arco e del Parco Nazionale del Vesuvio.
Il piano urbanistico comunale, ancora da adottare in Giunta, durante il suo lungo percorso ha raccolto in pubblici incontri le idee provenienti da gruppi di cittadini, imprenditori, tecnici ed anche dai consiglieri comunali. In particolare, come chiarito dall’assessore al ramo Carmen Aprea mediante una propria nota, è stato oggetto di discussione con i consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione anche dell’attuale amministrazione, al fine di rendere il più democratico possibile il procedimento in itinere.
Nel momento in cui la Giunta comunale con apposita delibera adotterà il PUC, scatterà per i cittadini la possibilità di presentare osservazioni, ricorsi e quant’altro consente la vigente normativa.
Si comprende che l’Ente arriva alla prossima adozione del PUC a seguito di un procedimento molto lungo e complesso, che, trattando dello sviluppo del paese sotto vari aspetti, si fonda sulla partecipazione dei cittadini, sulle politiche di sviluppo e crescita del territorio e sulla programmazione dell’amministrazione.
“Con l’avvicinarsi delle elezioni comunali le strumentalizzazioni politiche diventano sempre crescenti, per tentare di destabilizzare l’amministrazione. Noto polemiche sterili, insensate e provocatorie anche su di una procedura delicata e importante qual è quella che porterà all’adozione del PUC, al quale sta lavorando il nostro ufficio di piano, composto per la maggioranza dall’Ufficio Tecnico Comunale, impegnato ad ultimarlo in tempi brevi. C’è stata una richiesta di alcuni consiglieri comunali, per un incontro di aggiornamento avvenuto in presenza di assessori – dice il Sindaco Lello Abete – seguito da una risposta scritta da parte dell’assessore al ramo, in cui sono state messe in evidenza le varie fasi ed i percorsi finora attuati per arrivare ad adottare il PUC. È bene chiarire che, tenendo presenti i tanti vincoli del nostro territorio, il PUC giungerà a conclusione seguendo le norme, la correttezza e la legalità. L’apertura al dialogo con tutti da parte di questa amministrazione è nota, abbiamo sempre favorito l’incontro e non lo scontro, perché ritengo che la vera Democrazia è anche quella di ascoltare e cogliere il positivo delle proposte di tutti, così come i buoni suggerimenti e quant’altro può contribuire a far sviluppare e migliorare il paese ed a renderlo più moderno, accessibile e vivibile per tutta la nostra cittadinanza”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti