lunedì 28 Settembre 2020
Home Cronaca Rapina e percosse ad un imprenditore, arrestato il secondo complice

Rapina e percosse ad un imprenditore, arrestato il secondo complice

NOLA. Avevano rapinato e picchiato in casa un imprenditore 67enne, i carabinieri hanno fermato il secondo complice della banda di rumeni. Il primo malfattore fu fermato due giorni dopo il colpo mentre tentava la fuga verso la Romania con un autobus di linea.

Tempo pochi giorni di indagini serrate e anche l’altro ladro è stato individuato e assicurato alla giustizia. Nella serata di ieri i carabinieri della Compagnia di Nola hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto Ghitulescu Emil Vasil, 26enne, rumeno, senza fissa dimora. Quest’ultimo è stato individuato come uno dei componenti della banda che il 4 luglio scorso mise a segno una feroce rapina al’interno di un’abitazione privata ai danni di un imprenditore nolano 67enne. Il colpo operato in pieno stile “arancia meccanica”, i due rumeni infatti una volta introdotti nell’abitazione non esitarono di immobilizzare e picchiare con calci e pugni il proprietario che riportò contusioni ed escoriazioni multiple su tutto il corpo. Le indagini dei militari dell’arma nolana partite subito dopo la denuncia dell’aggressione e rapina riuscirono a identificare in meno di 48 ore uno degli aggressori attraverso filmati di videosorveglianza che permisero di individuare l’autovettura del rumeno, con la quale aveva commesso la rapina insieme ad  altri complici che al momento riuscirono a scappare. Si trattava di Bors Nicusor Ionut che fu individuato e bloccato nell’area di servizio “la macchia est”, sul tratto autostradale Napoli – Roma, mentre si stava allontanando dall’Italia a bordo di un autobus diretto in Romania. I carabinieri, inoltre, ritrovarono parte del bottino in un negozio di “Compro oro” di Sant’Anastasia, dove Bors Nicusor Ionut aveva venduto il maltolto a suo nome attraverso una transazione risultata regolare e in linea con quanto previsto dalle norme. Il rumeno venne portato nel carcere di Poggioreale, e, il gip in seguito convalidò il fermo del 25enne disponendo la sua custodia in carcere.

Il secondo complice, Ghitulesco Emil Vasil è stato invece rintracciato e fermato davanti all’abitazione di suoi familiari, nel comune di Sant’Anastasia ieri sera.

- Advertisement -

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Scuola. Aprire in sicurezza, l’Asl Na3 sud forma insegnanti Covid

L’Asl Napoli 3 Sud al fianco degli istituti per una riapertura in sicurezza. In collaborazione con le istituzioni scolastiche regionali l’azienda sanitaria ha attivato...

Novità editoriale: “Sopravvissuti”. Le presentazioni

NAPOLI. Martedì 29 settembre ore 18:30  in diretta sul canale YouTube della Polidoro Editore con Vincenza Alfano, Giovanna Scalzo e Antonio Esposito e Sabato 3...

“Abitare la storia: la casa dei Correale”, visita guidata a Sorrento

SORRENTO. Il presidente Gaetano Mauro, il CdA e il direttore Filippo Merola, nell’ottica di collaborazione con le associazioni locali già da tempo intrapresa con...

Successo per il Premio Ambasciatori del Sorriso 2020

SAN VITALIANO. Grande successo per il Premio  Ambasciatori del Sorriso 2020. Tra i premiati tante eccellenze. Dott. Paolo Ascierto, il magistrato Catello Maresca, lo scultore...

Giovedì sera al Museo, riparte la programmazione al MANN

NAPOLI. Visite ed eventi serali al Museo, si riparte: dal 1° ottobre al 3 dicembre, il MANN sarà aperto ogni giovedì, dalle 20 alle...
- Advertisment -