giovedì 22 Aprile 2021
HomeCronacaRapina al supermercato e il "giallo" dell'ambulanza

Rapina al supermercato e il “giallo” dell’ambulanza

OTTAVIANO. Nella drammatica rapina di ieri al supermercato “Etè” di Ottaviano c’è stato anche un “giallo” legato all’eventualità di una fuga a bordo di un’ambulanza da parte dei rapinatori.

Assalto che si è concluso con la morte di uno dei titolari, Pasquale Prisco 28 anni sposato e padre di due bimbe, e il ferimento di altre nove persone. L’allarme per il timore di una fuga a bordo di un’ambulanza da parte dei banditi è stato diffuso via radio ieri sera dalle forze dell’ordine, poco dopo la colluttazione scoppiata sulla strada statale 268 “del Vesuvio”, tra i carabinieri-rapinatori in fuga e i loro inseguitori. Le forze dell’ordine si sono attivate per cercare di rintracciare l’ambulanza che aveva caricato a bordo i due carabinieri-rapinatori feriti. C’era, infatti, il fondato timore che i due potessero dirottarla per proseguire la fuga. In realtà, subito dopo lo speronamento tra i carabinieri-rapinatori e i titolari e i dipendenti del supermercato subito dopo la sparatoria, mentre vebnivano allertati soccorsi e forze dell’ordine, sul posto sopraggiunge un’ambulanza della Clinica “Santa Lucia” di San Giuseppe Vesuviano di ritorno da un intervento. Il mezzo viene fermato dai due militari che chiedono soccorso, raccontano al personale di essere stati scaraventati contro il guard rail dai rapinatori che loro avevano cercato di bloccare e si fanno trasportare in ospedale a Sarno dove vengono ricoverati in un primo momento. Poi per loro il fermo per tentato omicidio plurimo (imputazione che cambierà nella notte con la morte di Prisco) e rapina aggravata e il trasferimento nel nosocomio di Salerno.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti