giovedì 23 Marzo 2023
HomeAttualitàRapporto Pendolaria, "Circumvesuviana Peggiore Ferrovia d’Italia"

Rapporto Pendolaria, “Circumvesuviana Peggiore Ferrovia d’Italia”

Da Enzo Ciniglio, Portavoce gruppo facebook
NOALTAGLIODEITRENIDELLACIRCUMVESUVIANA riceviamo una nota che di seguito pubblichiamo.

Sono ormai più di dieci che la Circumvesuviana svetta nella classifica delle peggiori ferrovie regionali d’Italia.

Un dato sconfortante che ha contribuito negli anni alla perdita di oltre il 40% di viaggiatori. Il management, nonostante le ingenti risorse a disposizioni, in questi anni non è riuscito a fermare il declino, anzi dai dati ufficiali della regione il servizio offerto dalla circumvesuviana ha delle performance imbarazzanti.

Eav nella gestione delle linee vesuviane ha fallito.

Il revamping e l’acquisto dei nuovi treni sono stati oggetti di una lunga serie di errori che hanno causato ritardi nella consegna, inoltre il riammodernamento dell’infrastruttura tante volte annunciato è partito solo adesso grazie ai fondi del PNRR.

Il cattivo stato della rete ferroviaria e il sistema di sicurezza obsoleto sono la causa della marcia forzata a 70kmh e l’obbligo della presenza del capotreno nella cabina di guida.

In questi anni ci è stato negato un diritto, scippato del tempo.

Siamo stanchi, fa molta rabbia sentire il presidente della regione dichiarare candidamente che ci vorranno almeno altri 2/3 anni per migliorare le cose, mentre si paga a prezzo pieno un servizio che non è mai garantito.

Visto la certezza del protrarsi dei disservizi, formuliamo la proposta di un abbonamento a prezzo popolare per tutte le linee vesuviane a 20euro mensile, un incentivo a servirsi del trasporto pubblico nonostante tutto.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti