giovedì 22 Aprile 2021
HomePoliticaReddito di cittadinanza, Saiello(M5S): "De Luca blocca i Navigator"

Reddito di cittadinanza, Saiello(M5S): “De Luca blocca i Navigator”

M5S, Saiello: “De Luca blocca i Navigator per non contribuire al successo del Reddito di cittadinanza”. Il consigliere regionale: “Opportunità persa dalla Campania, tra le giustificate ire dei 13mila partecipanti”

“Quello che sta facendo De Luca è gravissimo. Pur di provare a far fallire il Reddito di Cittadinanza, manda il suo burattino-assessore Sonia Palmeri ad annunciare che la Campania sarà l’unica regione in Italia che non aderirà alla convenzione con Anpal per l’assunzione di 471 Navigator. La ragione addotta è più ridicola dei personaggi che la espongono. Per il duo De Luca-Palmeri si andrebbe a creare nuovo precariato. E’ precariato, dunque, formare e impiegare per due anni giovani laureati, remunerandoli con 27mila euro annui, oltre a un forfettario a titolo di rimborso spese, per farne figure indispensabili per incrociare domanda e offerta di lavoro nella nostra regione? E’ precariato trovare occupazione stabile alle migliaia di percettori di Reddito di cittadinanza, implementando i Centri per l’impiego, che De Luca e Palmeri hanno mandato al collasso, con personale con caratteristiche e mansioni diverse da quello attualmente impiegato? L’unica forma di nuovo precariato è il piano lavoro truffa di De Luca, che creerà 10mila tirocinanti e nessuna garanzia di occupazione”. Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello.
“I Navigator – sottolinea Saiello – non vanno a sostituire gli attuali dipendenti dei Cpi, ma a incrementare gli organici e a rendere più efficienti gli uffici. Questo lo sanno bene sia De Luca che la sua burattina Palmeri, che stanno facendo campagna elettorale sulla pelle dei cittadini. Pur di non ammettere che il Reddito è una misura che funziona e pur di rallentare il processo di collocamento e ricollocamento al lavoro per i percettori di reddito, bloccano i Navigator, tra le ire dei 13mila che hanno presentato domanda in Campania e che oggi si vedono scippati di una opportunità”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti