domenica 25 Luglio 2021
HomeAttualitàRegione Campania rifiuta incontro con operatori assistenza socio-sanitaria

Regione Campania rifiuta incontro con operatori assistenza socio-sanitaria

Dura lettera di protesta delle associazioni di categoria: tariffe ferme a 12 anni fa

«La Regione Campania con il differimento dell’incontro programmato per oggi, 4 giugno 2021 (nota prot. n. 2021.0288131 del 28.05.2021), crediamo abbia perso l’ennesima e forse ultima occasione per avviare un confronto leale e sereno con le associazioni di categoria. Tale differimento, oltre tutto sine die, su tematiche quali la corretta applicazione del D.D. n. 83/2020 e la rivisitazione con adeguamento delle tariffe ex art. 26 e socio sanitarie, ferme addirittura ad indicatori e parametri risalenti all’anno 2009, testimoniano purtroppo quale scarso interesse e considerazione la politica regionale abbia verso il nostro comparto, le persone con disabilità e tutti i nostri lavoratori.

Le associazioni di categoria anticipano sin da ora azioni di protesta, ed è loro ferma volontà rappresentare la grave situazione che si sta delineando e, soprattutto, l’inspiegabile e totale indisponibilità della Regione al dialogo ed alla concertazione».

È il testo di una lettera inviata, tra gli altri, al governatore Vincenzo De Luca e all’assessore regionale al Bilancio della Regione Campania, Ettore Cinque, dai rappresentanti di Aias – Aisic – Anffas Campania – Anpric – Aris – Confapi – Confindustria Campania – Nova Campania. Associazioni tutte operanti nel settore dell’assistenza riabilitativa e sociosanitaria. (L’ufficio stampa).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti